• Google+
  • Commenta
29 febbraio 2012

La scultura di Rodin in Rilke

Rodin risulta essere uno dei più importanti scultori ed innovatori di fine ‘800. La sua opera crea una rottura con i suoi contemporanei, nel momento in cui rimette in discussione i canoni classici di forma, superficie, materiale di realizzazione e piedistallo. Ovviamente la sua genialità non verrà compresa dai suoi contemporanei che lo criticheranno e contesteranno, ma oggi sarebbe impossibile pensare ad una arte scultorea senza passare dall’opera rodianiana.

“Onorato maestro, l’occasione di scrivere sulla vostra opera rappresenta per me una vocazione interiore, una festa, una gioia, un grande e nobile compito a cui sono tesi tutto il mio zelo e tutto il mio amore”, così Rilke che ne diventerà il segretario, onorato ed ossessionato. Nei due scritti che nascono da questo rapporto, vi è un analisi fraterna ed amorevole, oltre che contestualizzante in un periodo di grande importanza artistica.

Rodin_Rilke

Google+
© Riproduzione Riservata