• Google+
  • Commenta
22 febbraio 2012

Le nuove frontiere dell’Alimentazione

Giovedì 23 febbraio, il dipartimento di Medicina Sperimentale in collaborazione con il CIISCAM  – Centro interuniversitario di ricerca sulle culture alimentari mediterranee, organizza una giornata studio sul tema della nutrizione e dei problemi ad essa connessi.

Il convegno è dedicato alla figura di Carlo Cannella, docente di Scienza dell’alimentazione alla Sapienza, per ricordare, a un anno dalla scomparsa, il  suo rigore  scientifico e l’efficace attività di divulgazione.

Si alterneranno esperti e studiosi delle maggiori università italiane e istituti di ricerca, che parleranno di alimentazione in un percorso culturale e scientifico che abbraccia diversi ambiti disciplinari: dalla biochimica all’igiene degli alimenti, dalla sociologia all’epidemiologia, dalla psicologia alla fisica.

Al centro dell’incontro anche temi più curiosi come l’applicazione della fisica alla gastronomia per produrre per esempio un buon gelato al cioccolato o sviluppare nuovi prodotti, l’influenza del colore nelle scelte alimentari, il rapporto tra cibo e comunicazione.

Il rigore scientifico, unito ad una valida divulgazione, sono gli elementi determinanti della Scienza dell’Alimentazione nella promozione della salute. L’integrazione di tutti questi ambiti è cosa non facile che ha trovato nel professor Carlo Cannella un interprete efficace ed uno studioso attento e acuto nel vagliare e recepire i progressi tecnologici e le esigenze socioeconomiche per metterli al servizio della salute.

Si discuterà quindi, della necessità di integrare i diversi ambiti in cui si sviluppa la scienza dell’alimentazione; dalla biochimica alla ricerca sulla qualità e funzionalità dei diversi composti, dalla sicurezza di produzione e di consumo alle scelte ed ai comportamenti alimentari.

I lavori della giornata sono articolati in tre sessioni: la prima è dedicata a nutrizione e alimentazione con particolare attenzione alle nuove scienze come la nutrigenomica che indaga come combinare il profilo genetico individuale con i cibi, per definire un’alimentazione protettiva o addirittura terapeutica.

La seconda sessione verte su Psicobiologia e sicurezza alimentare nella ristorazione collettiva.

Infine la terza sessione fa il punto sul futuro dell’alimentazione tra ricerca e tradizione con uno sguardo sulle abitudini alimentari degli italiani e sul rapporto tra scienza e industria.

L’incontro di svolgerà giovedì 23 febbraio 2012 ore 9:00 nell’aula Capozzi, Dipartimento di scienze odontostomatologiche; via Caserta 6.

Google+
© Riproduzione Riservata