• Google+
  • Commenta
7 febbraio 2012

L’Università di Messina omaggia due ex Prorettori: Giovanni Dugo e Mario Centorrino

Stamattina, nell’Aula Magna dell’Università di Messina, si è svolta la cerimonia di commiato in onore dei Professori Mario Centorrino e Giovanni Dugo collocati in quiescenza.

Presenti i Prorettori, i Presidi di Facoltà, i Delegati rettorali e i Dirigenti universitari.

Il Magnifico Rettore, Franco Tomasello, nel ricordare pubblicamente le collaborazioni dei due – come Prorettore vicario Drugo e Prorettore delegato alla comunicazione Centorrino – ha espresso il desiderio che i due docenti non interrompano le loro attività di ricerca e i loro impegni extra-universitari.

Così si è espresso in relazione alle metamorfosi in atto nel sistema accademico: «La parte più difficile di questi cambiamenti è stato l’abbattimento della mentalità che abbiamo riscontrato tanto nel personale docente quanto in quello tecnico – amministrativo e la battaglia che abbiamo dovuto portare avanti per eliminare le rendite di posizione».

Giovanni Dugo è ordinario di Chimica degli Alimenti nella Facoltà di Scienze. Durante la cerimonia ha illustrato questo passaggio dall’attività alla quiescenza, chiarendo come questa situazione non sia voluta, ma dovuta «in base alle leggi vigenti».

Mario Centorrino è ordinario di Politica Economica della Facoltà di Scienze Politiche, e Assessore Regionale alla Formazione. Ha dedicato una vita all’insegnamento, avendo trascorso 45 anni all’interno dell’Ateneo messinese.

Si è pronunciato in relazione alla situazione universitaria affermando: «ci sono tre aspetti che mi preme sottolineare, quello relativo all’abolizione del valore legale della laurea, quello relativo alla divisione ormai certa delle Università in Università di ricerca e Università di insegnamento con una sovrapposizione delle prime a svantaggio delle seconde ed infine ad un totale immobilismo per quanto riguarda i concorsi universitari».

Google+
© Riproduzione Riservata