• Google+
  • Commenta
26 febbraio 2012

Sport sicuro: arriva il bracciale salvavita

Un’invenzione davvero utile quella dello studioso Hugo Alberto Ferrer dell’Università Jaume I di Castellò, in Spagna. Un braccialetto in grado di salvaguardare la vita di tutti coloro che amano fare sport.

La tecnologia innovativa di cui sono dotati questi anelli da polso permette di rilevare la presenza delle anomalie nel cuore che nella maggior parte dei casi annunciano un arresto cardiaco.

Alla prima irregolarità viene inviato un primo segnale di avvertimento al display dell’atleta. Contemporaneamente, un secondo avvertimento viaggia fino ai medici dell’impianto sportivo, mentre un terzo arriva all’ospedale più vicino.

Questo semplice aggeggio, in grado anche di dirci se lo sportivo ha assunto sostanze dopanti partendo dai rilevamenti delle alterazioni del ritmo cardiaco, come si poteva prevedere, non costa poco.

Hugo Alberto Ferrer comunque rassicura tutti affermando che, una volta che i prototipi saranno migliorati, l’intero “pacchetto” comprendente il braccialetto, il monitor e le antenne per la trasmissione dati, non dovrebbe costare più di 20000 euro.

Molto meno dei costi necessari per effettuare controlli cardiovascolari settimanali a una squadra di 25 calciatori professionisti (180000 euro), ma siamo ancora lontani da un prodotto che sia alla portata davvero di tutti.

Google+
© Riproduzione Riservata