• Google+
  • Commenta
10 febbraio 2012

Unisalento: un bilancio sociale per la trasparenza dentro e fuori le mura dell’Università

La trasparenza come valore da cui ripartire per il new look dell’Università del Salento (ci auguriamo lo stesso per tutte le Università pugliesi), attraverso strumenti che possano testimoniare la “salute” dell’Ateneo, non solo per quanto concerne le proprie casse e risorse economiche, ma anche e soprattutto testimoniando il proprio ruolo e l’impatto sociale sul territorio.

Il “Bilancio Sociale” nasce con questo scopo: offrire attraverso consultazioni bibliografiche, ricerche sul campo e coinvolgendo i cosiddetti “portatori di interesse”, una auto-rendicontazione dettagliata dal punto di vista economico della realtà universitaria, offrendo però anche il valore di una comunicazione e documentazione volta ad attingere al mondo sociale ed ambientale che ruota intorno alla stessa Università.

Il Bilancio sociale si è articolato  in nove sezioni: identità, didattica, ricerca, dati contabili, servizi e attività culturali, Università per l’ambiente, innovazione, internazionalizzazione e relazione sociale.

Studenti, famiglie, istituzioni politiche e civili, imprese e cittadini vengono quindi chiamati in causa nel tracciare il bilancio e le linee guida dell’Università in un ottica di necessaria osmosi tra mondo accademico e territorio circostante, potendo e dovendo comunicare, sia i punti di forza, quanto le debolezze riscontrate.

Il Bilancio Sociale dell’Università del Salento, facente riferimento al biennio 2009/2010, è stato presentato nel corso di una conferenza stampa dal rettore Domenico Laforgia, dal direttore amministrativo Emilio Miccolis e dal professore Fabio Amatucci, coordinatore del documento.

Il documento, nonostante la crisi economica perdurante, ha testimoniato risultati positivi, ulteriormente incoraggiati dall’arrivo nelle casse dell’Università del Salento di oltre 100 milioni di euro derivanti dal Piano di Finanziamento per il Sud, dal PON 03 e dal Ministero per le Infrastrutture.

In merito il rettore, ha affermato che questa ingente somma verrà investita per la riqualificazione e l’ampliamento del Campus Urbano al fine di migliorare strutture e servizi agli studenti.

A rendere meno dolce la pillola, i tagli del personale che l’Università del Salento sarà costretta a compiere, cercando di non andare ad intaccare l’offerta formativa per gli studenti.

Google+
© Riproduzione Riservata