• Google+
  • Commenta
14 marzo 2012

Docente bocciato dal rettore, succede all’Università del Salento

Docente bocciato dal rettore, succede all’Università del Salento. Attriti e confusioni a 20 giorni dall’elezione del Senato Accademico

Unisalento

Unisalento

Una secca bocciatura quella conferita per posta elettronica dal Rettore dell’Università del Salento, Domenico Laforgia a scapito di Pier Luigi Portaluri, professore ordinario di Diritto amministrativo.

In ballo una delega alle “Questioni giuridico-istituzionali” per la quale Portaluri ha considerato inevitabili le dimissioni in nome del rispetto e dell’immagine del suo Dipartimento dopo le lapidarie affermazioni di Laforgia.

“Non ritengo una candidatura di Portaluri utile, nonostante sia un mio delegato, perché sappiamo bene che la sua presenza in Senato, non porterebbe il contributo in termini di idee e progetti che tutti ci aspettiamo per il futuro”, bolla il rettore nella mail inviata a Raffaele De Giorgi, direttore del Dipartimento in questione.

Eppure nell’aria c’è attrito. Tempo fa lo stesso De Giorgi aveva rinunciato alla delega a causa di alcune tensioni tra lui e il rettore, che pare avrebbe pressato la candidatura al Senato di Fernando Greco, professore attualmente Delegato ai rapporti con i ricercatori.

Il clima teso nasce sicuramente dall’elezione del Senato Accademico, tra meno di 20 giorni dal quale dipenderanno le sorti di molti.

L’elezione seguirà la legge 240 con una nuova governante per l’Ateneo. I 25 senatori scelti decideranno su personale docente, tecnici e ricercatori da impiegare, prima dell’approvazione in Cda. Importante anche il ruolo della Fondazione che gestirà il patrimonio immobiliare dell’Università nella figura del presidente e dei cinque membri del Cda, eletti dallo stesso Senato.

Ma a fomentare gli attriti, anche la successione, tra 18 mesi di Laforgia, che non potrà più candidarsi. Chi prenderà il suo posto, e soprattutto le polemiche e le connivenze avranno fine?
Pare che il rettore in carica voglia designare personalmente il suo successore, ma non è detto che ciò accada.

Google+
© Riproduzione Riservata