• Google+
  • Commenta
11 marzo 2012

L’uomo a confronto con gorilla e scimpanzé

Il 15% del genoma umano è più vicino a quello del gorilla che a quello dello scimpanzé.

Questo è quanto emerso da uno studio condotto da un team di scienziati del Welcome Trust Sanger Institute e pubblicato pochi giorni fa su Nature.

Il sequenziamento completo del Dna di un gorilla femmina ha permesso di mettere a confronto Scimpanzè, Uomo e il più grande primate del mondo.

Il genoma del gorilla è importante perché mette in luce il momento in cui i nostri antenati si sono discostati dai nostri più vicini cugini evolutivi. Ci permette anche di esplorare le similitudini e le differenze tra i nostri geni e quelli del gorilla “, dice Aylwyn Scally, primo autore della ricerca.

Tale confronto ha portato ad una sorprendente scoperta: pur essendo lo scimpanzé il nostro parente più prossimo (condividiamo il 70% del Dna), ci sono geni che condividiamo solo con il gorilla.

L’evoluzione dell’udito ad esempio sembra avere seguito la stessa strada sia per i gorilla che per l’uomo: il tasso di evoluzione dei geni dell’udito è stato lo stesso, e questo potrebbe dimostrare altresì che non c’è legame tra l’evoluzione del nostro udito e quella del nostro linguaggio.

Inoltre gli autori della ricerca affermano che la distinzione uomo-scimpanzè-gorilla sia avvenuta circa 10 milioni di anni fa.

Adesso, quindi, si hanno tutti i tasselli per ricostruire il percorso evolutivo della nostra specie e chi sa che questa riscoperta parentela con i gorilla non metta fine alle loro terribili uccisioni da parte dei bracconieri.

Google+
© Riproduzione Riservata