• Google+
  • Commenta
7 marzo 2012

Ottomarzo femminile plurale per la festa della donna

Ottomarzo femminile plurale
Ottomarzo femminile plurale

Ottomarzo femminile plurale

Il 1 marzo ha  preso il via  l’edizione 2012 di Ottomarzo. Femminile, plurale, la manifestazione sostenuta dall’assessorato alle Pari opportunità del Comune di Verona per la Festa della Donna.

Saranno circa trenta gli eventi che si succederanno nei mesi di marzo e aprile in città e nelle circoscrizioni, partendo dalla visita guidata “Nelle terre dei Gonzaga”, che si terrà giovedì 1 marzo nella città di Mantova, con navigazione turistica sui laghi. Il programma attende mercoledì 7 marzo, esibizione di musica d’autore al teatro CamployDonne in amore. La canzone al femminile”, un concerto-reading con protagoniste sedici donne, undici artiste veronesi e cinque straniere, che interpreteranno alcune grandi canzoni della musica femminile; l’evento sarà presentato da Enrico De Angelis.

L’Ottomarzo si inizierà al mattino, con il convegno sostenuto dal Consiglio degli Studenti dell’Università, al Polo Zanotto, “Le donne: risorsa contro la crisi”, e si proseguirà il pomeriggio alle 17, in Gran Guardia, con la tavola rotonda favorita dalla Consulta delle Associazioni Femminili di Verona “Partecipazione delle donne nella governance del territorio”. Sempre alle ore 17, al teatro Camploy, si terrà la conferenza-concerto “La donna e la musica”. Alle 18.30, in Gran Guardia, si terrà l’inaugurazione ufficiale della manifestazione, con l’apertura della mostra fotografica “Il dono di una strana profezia”, promossa dall’Accademia Mondiale della Poesia, che prevede l’esposizione dei ritratti di Alda Merini-Marilyn Monroe nelle splendide fotografie di Giuliano Grittini; nel loggiato invece sarà aperta la mostra “Cre-attive: l’espressione artistica nella relazione tra le donne”, programmata dalla Consulta delle Associazioni Femminili di Verona. La giornata si teminerà alle ore 20.30 con la fiaccolata “Stop alla tratta, libera la vita” che partirà dal piazzale della Stazione di Porta Nuova e giungerà in piazza Bra dove interverranno una ragazza liberata dalla schiavitù della strada, il vescovo monsignor Giuseppe Zenti, l’assessore Vittorio Di Dio e Giovanni Paolo Ramonda, presidente della Comunità Paolo Giovanni XXIII, promotrice dell’iniziativa.

Il  10 marzo si sosterranno una serie di incontri, dibattiti e testimonianze in Gran Guardia: alle 10.30 “Latte di mamma, un bene pubblico”, incontro con Cristina Realini, psicopedagogista, promosso dall’associazione Il Melograno, Centro di informazione maternità e nascita; alle 16 presentazione del libro di Luisella Vero “Alda Merini, ridevamo come matte”, dell’Associazione culturale Melusine; alle 18 la conferenza “L’impegno della donna musulmana per la libertà”, promossa dal Consiglio Islamico di Verona e dall’Associazione Donne Musulmane d’Italia.

Dal 2 al 10 aprile, inoltre, a Palazzo della Ragione sarà aperta la mostra “Donna contemporanea”, sostenuta dall’associazione culturale Fabbrica Oltre/Beyond Factory. La catena di installazioni dedicata all’universo femminile, tra cui l’opera “Mother to Mother” di Federico Ferrarini che è l’immagine emblema di questa edizione di “Ottomarzo. Femminile, plurale”, sarà inaugurata venerdì 2 aprile, alle ore 18.

Google+
© Riproduzione Riservata