• Google+
  • Commenta
30 marzo 2012

Ricerca: attivo il bando Galileo 2012-13

L’Università Italo Francese, in collaborazione con l’Agenzia Egide e con il sostegno del Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, emette il Bando Galileo 2012-2013.

Il progetto rientra nel piano degli accordi stipulati tra i governi francese ed italiano nel 1998, che sancirono la nascita dell’Università Italo Francese. Dalla sua nascita la UIF ha inteso favorire l’ integrazione della formazione universitaria e della ricerca sul piano europeo. Le sue realizzazioni sono sempre state rivolte, in particolare, a potenziare la cooperazione universitaria tra i due Paesi, nell’ambito della formazione continua e della ricerca, a promuovere la convergenza dei sistemi universitari, a favorire il rilascio di doppi diplomi e diplomi congiunti di laurea, favorendo la realizzazione di programmi comuni e l’ampliamento di processi di integrazione con altri Paesi europei. Senza dimenticare la promozione ed il sostegno dei programmi congiunti di ricerca e formazione continua.

Il progetto Galileo intende rafforzare lo sviluppo di nuovi rapporti di ricerca scientifica tra i due Paesi, sulla base di progetti comuni. L’offerta è diretta a gruppi di ricercatori e studiosi in attività presso Istituzioni universitarie e/od organismi di ricerca pubblici, italiani e francesi. In tempi di magra per la ricerca, soprattutto in Italia, però i finanziamenti previsti dal progetto saranno destinati solamente a sostenere i costi della mobilità verso l’altro Paese. Non sono previsti, invece, finanziamenti per i costi di base, come personale e materiale, ed accessori, come documentazione, duplicazione, partecipazione a congressi.

Nello specifico il bando 2012 si riferisce a progetti di ricerca nelle seguenti categorie:

Sanità: scienze della vita; malattie legate all’invecchiamento, malattie neurodegenerative, cancro; alimentazione sana e sicura, rapporto alimentazione-sanità.

Energia: sviluppo di energie non produttrici di gas a effetto serra (energia nucleare, energie rinnovabili…).

Patrimonio culturale: conoscenza, valorizzazione e protezione del patrimonio culturale (archeologia, applicazione di tecnologie nuove per la diagnosi e la prevenzione…)

Le candidature italiane dovranno essere compilate on line sul sito www.universita-italo-francese.org dal docente universitario o dal ricercatore responsabile del progetto, entro e non oltre le ore 12 del 24 aprile 2012.

Per ulteriori informazioni si consulti il bando reperibile sul sito http://www.universita-italo-francese.org/

 

Google+
© Riproduzione Riservata