• Google+
  • Commenta
5 aprile 2012

L’Italia di Steve Jobs: la lezione di uno straordinario innovatore

“Stay hungry, stay foolish”, è questa la frase che Steve Jobs ha lasciato in eredità ai neolaureati dell’Università di Stanford nel suo discorso del 15 giugno 2005. Siate affamati, siate folli dunque, ripete ai giovani esortandoli a seguire il proprio cuore, la propria intuizione, “in qualche modo loro sanno che cosa volete realmente diventare”.

Un discorso che ha fatto il giro del mondo, e che senza dubbio esalta una figura carismatica, una personalità vincente, quella di Steven Paul Jobs, che ha contribuito a creare prodotti e tecnologie che hanno trasformato il modo di consumare la musica, la televisione, i film e i libri.

A pochi mesi dalla sua scomparsa, l’Università degli Studi di Milano-Bicocca ospita un evento dedicato alla memoria dell’ex CEO di Apple e alla sua genialità.

L’idea è quella di fare il punto delle relazioni tra la personalità dirompente di Steve Jobs (e la “Apple-Philosophy”) e tutto ciò che ha comportato rispetto al tradizionale modo di concepire il prodotto, l’innovazione tecnologica e ideologica, il design di qualità e la tecnologia in rapporto alla esperienza emozionale dell’utente utilizzatore.

La conferenza, organizzata da THINK! (The Innovation Knowledge Foundation) in collaborazione con l’Università degli Studi di Milano-Bicocca,  fa parte del circuito “Fuori Salone”, eventi satellite al Salone del Mobile che si svolge a Milano dal 17 al 22 Aprile.

Tra i protagonisti della giornata sono previsti:

  • Marco Susani, Marco Susani Design Studio
  • Elserino Piol, Pino Ventures and Neon Club
  • Mark Vanderbeeken, Experientia
  • Stefano Mirti, Interaction Design Lab

L’appuntamento è fissato per Giovedì 19 Aprile alle ore 9.00, presso Edificio U6, Aula Magna – Piazza dell’Ateneo Nuovo 1, Milano.

La partecipazione all’evento è aperta previa registrazione.

 

 

 

Google+
© Riproduzione Riservata