• Google+
  • Commenta
6 aprile 2012

UniBa,PoliBa e UniSalento al fianco dell’ONU con Academic Impact

UniBa, PoliBa e Università del Salento entrano a far parte della rete globale accademica delle Nazioni Unite: Academic Impact.

Lanciato nel 2010 su iniziativa dell’ONU, il network conta al suo interno oltre 800 istituzioni accademiche e istituti superiori, uniti per un unico obiettivo: diffondere i dieci principi universali dei diritti umani.

Assieme alle tre istituzioni pugliesi, lo scorso 3 aprile, hanno annunciato la loro adesione al progetto anche tre università Newyorkesi: la Fordham University, il Queens College e la Hofstra University.

Un ruolo attivo, quello a cui le istituzioni sono chiamate: il progetto, infatti, prevede la partecipazione ad alcune azioni delle Nazioni Unite, con il fine di sviluppare e rafforzare le relazioni che intercorrono tra l’Organizzazione internazionale e le università. Ogni college o università aderente, ha il compito di dimostrare ogni anno il suo impegno attivo in almeno uno dei dieci principi universali.

Una occasione, dunque, per sottolineare l’importanza delle istituzioni operanti nel settore dell’istruzione, quali veicoli di trasmissione e di garanzia dei diritti umani, valori imprescindibili in una società che voglia dirsi civile: l’alfabetizzazione, la sostenibilità, la risoluzione dei conflitti, la lotta alla povertà e la cittadinanza globale, sono solo alcuni dei principi fondamentali di cui leuniversità, attraverso il network, si fanno portatrici a livello globale.

Non solo. Un impegno che chiama ad una riflessione sul significato profondo del termine “istruzione”: i diritti umani a cui Academic Impact fa appello, contemplano l’educazione quale mezzo per il raggiungimento di ogni libertà fondamentale dell’uomo e della consapevolezza della portata che tali valori rivestono nella vita di ognuno.

Per le tre istituizioni pugliesi è già in programma un primo impegno: nel prossimo mese di maggio, infatti, i massimi rappresentanti dell’Università di Bari, del Politecnico di Bari e dell’Università del Salento, voleranno a New York per prendere parte ad una conferenza stampa, presso l’auditorium “Dag Hammarskjöld” delle Nazioni Unite, sulla necessità – e sulla volontà- di un cambiamento nel mondo dell’educazione.

Un primo passo nella nuova frontiera dell’educazione targata ONU.

Google+
© Riproduzione Riservata