• Google+
  • Commenta
30 aprile 2012

Unisa: “Il calcio e la sua Epica”

Mens sana in corpore sano dicevano i latini. Una frase non scelta di certo per caso.

Basti pensare che lo sport e l’attività fisica ha da sempre attirato popoli e generazioni anche in epoche remote.

L’uomo infatti oltre che formarsi dal punto di vista culturale, deve temprare anche il fisico; lo sport inoltre, rappresenta un momento essenziale per la crescita dell’individuo, che è chiamato per poter gareggiare nell’ambito sportivo, a rispettare delle regole.

Questo vale per ogni tipo di attività che voglia definirsi a giusta ragione agonistica.

Come in tutti i settori e tutte le attività, soprattutto nel nostro Paese, uno sport ha da sempre catalizzato l’attenzione di una larga, larghissima fetta di appassionati e tifosi; sto parlando del calcio.

Una passione che potremmo dire (attenendoci alle situazione di casa nostra) è lunga uno “stivale intero”. Poi quando la lente d’ingrandimento si sposta sui territori del Mezzogiorno (ancora più calorosi delle altre Regioni Italiane), questa passione diventa quasi uno stile di vita oppure un credo da rispettare e tramandare.

Dietro ad ogni sana passione ovviamente, c’è o ci dovrebbe essere cultura dell’ambito che si vuole analizzare.

Ed è proprio per questo che l’Università degli studi di Salerno, ha organizzato per il prossimo 4 maggio un convegno dal titolo: “Il calcio e la sua Epica”.

Prenderanno parte a tale dibattito tra gli altri, il giornalista sportivo Raffaele Auriemma, il prof Vittorio Dini (ordinario di sociologia presso l’ateneo salernitano); il prof Luca Bifulco anch’egli docente presso il medesimo ateneo.

“Parlare con una platea giovane è qualcosa di altamente educativo” questo il primo commento del dott. Auriemma che prosegue “il calcio poi, soprattutto qui da noi (al sud italia) è visto come una risorsa da sfruttare. E’ necessario, però, che il giovane, prima di  affermarsi nel mondo calcistico rispetti delle regole che sono essenziali per qualsiasi atleta. Nel prossimo convegno al quale ho il piacere di essere invitato, si parlerà diffusamente della longevità dell’attività calcistica, e, non mancheranno di certo degli spunti che renderanno più interessante il convegno”

 

Google+
© Riproduzione Riservata