• Google+
  • Commenta
23 Maggio 2012

Ferdinando di Orio: solidarietà per il Rettore dell’Ateneo di Ferrara

Come cita Herbert George WellsLa nostra vera nazionalità è l’umanità.” Siamo italiani ma soprattutto siamo degli uomini. Ed è proprio questo che ha dimostrato il Rettore dell’Università dell’Aquila, Ferdinando di Orio, nella lettera che ha scritto al Rettore dell’Ateneo di Ferrara, Pasquale Nappi, per esprimergli solidarietà dopo il terremoto che, nella notte tra sabato e domenica, ha colpito l’Emilia-Romagna.

Ecco il testo: “La notizia del terribile terremoto che ha colpito in queste ultime ore l’Emilia ha destato in tutti noi, docenti, studenti e personale tecnico-amministrativo dell’Università dell’Aquila, sentimenti di profonda e sincera partecipazione affettiva nei confronti della popolazione emiliana. Troppo recente è l’esperienza del sisma dell’aprile del 2009, che così duramente ha colpito la città e l’Università dell’Aquila, per non vivere ancora, insieme con voi, le vostre stesse ansie, paure e preoccupazioni. E’ in momenti drammatici come questi, che assume una straordinaria rilevanza la vicinanza solidale delle istituzioni, per poter affrontare con efficacia la fase dell’emergenza e poter poi ricostruire le condizioni per un rapido ritorno alla normalità.”

Una lettere piena di solidarietà, per chi ha già vissuto una situazione simile e che tuttora sa quanto possa essere difficile la ricostruzione che segue un terremoto. È proprio per questo che Ferdinando di Orio ha chiuso esprimendo anche la volontà di mettere a disposizione le  proprio esperienze e competenze acquisite dopo gli eventi che colpirono l’Abruzzo il 6 aprile del 2009. Chi ha dimenticato cosa accadde alla casa dello studente all’Aquila?

Intanto, mentre in Emilia continua il lavoro della Protezione Civile per capire l’entità dei danni, l’Ateneo di Ferrara ha già annunciato che riaprirà i locali agli studenti lunedì 28 maggio.

Google+
© Riproduzione Riservata