• Google+
  • Commenta
10 Maggio 2012

Il Viceministro Martone per il Career degli universitari LUMSA

Si è svolto oggi presso l’Università LUMSA di Roma il CAREER DAY 2012, evento dedicato ai giovani universitari in prospettiva lavoro. Il dibattito sul tema ‘I giovani sono ancora una risorsa?’ è stato aperto dal prof. Mario Pollo (LUMSA) e ha registrato l’intervento del Viceministro del lavoro Michel Martone, che ha rivolto ai presenti un’esortazione a investire su nuovi settori.

“I giovani devono riscoprire il gusto di intraprendere”. Anche se questo oggi sembra difficile il Viceministro riconosce che “il terreno Italia, da sempre ricco di frutti, è diventato argilloso, e in esso è difficile far crescere nuove imprese”. Martone ha proseguito: “Il governo per dare impulso a questo terreno ha cercato di incentivare le nuove startup”.

Ai giovani presenti Martone ha detto di non abbandonare le speranze senza farsi tentare dall’idea di una fuga all’estero. “Viviamo una situazione difficile ma i problemi non sono insolubili” ha detto Martone.

“Per molto tempo abbiamo fatto finta di non vedere il problema. L’azione di questo governo è quella di chi vuole vedere in faccia il problema e cercare di risolverlo” ha continuato il Viceministro “ma siamo solo all’inizio. In cinque mesi non si risolvono i problemi di quarant’anni”.

In ultimo Martone ha esortato gli universitari della LUMSA a prendersi carico del futuro proprio e del Paese: “Le sfide che sono toccate alla nostra generazione non sono impossibili, affrontiamole.”

Dopo l’intervento di Martone i manager di alcune aziende hanno dato la loro testimonianza su come incrociare la domanda e l’offerta di lavoro in questi tempi di crisi.

Al termine della parte in sala si è proseguito con l’apertura di stand aziendali davanti ai quali si sono formate file di giovani desiderosi di informarsi sulle opportunità di lavoro dopo gli studi. L’evento è stato organizzato nel quadro delle azioni del Progetto Soul, un network di Atenei del Lazio per l’orientamento al lavoro.

Google+
© Riproduzione Riservata