• Google+
  • Commenta
26 Maggio 2012

Premio Letterario Campiello 2012 all’Università di Padova i 5 finalisti

Premio Letterario Campiello 2012

All’Università di Padova si è svolto (da parte di una giuria altamente qualificata) la selezione dei 5 finalisti che parteciperanno per il “Premio Premio Letterario Campiello 2012.

L’importante premiazione (promossa dalla Confindustria del Veneto) che assegnerà il premio Campiello 2012 il primo Settembre al Gran Teatro della Fenice a Venezia.

Le cinque opere in concorso scelte per la 50esima edizione del “Premio Letterario Campiello” negli interni di “Palazzo del Bo” (con solo due votazioni su 64 opere selezionate da 206 romanzi) sono: “La collina del vento” di Carmine Abate – ed. Mondadori con 8 voti; ; “Più alto del mare” di Francesca Melandri  – ed. Rizzoli con 7 voti; “Il senso dell’elefante” di Marco Missiroli – ed. Guanda con 7 voti; “Tutti i colori del mondo” di Giovanni Montanaro – ed. Feltrinelli con 6 voti e “Nel tempo di mezzo” di Marcello Fois – ed. Einaudi in II votazione.

La giuria dei letterati, presieduta da Massimo Cacciari è composta da Gian Luigi Beccaria, Riccardo Calimani, Philippe Daverio, Paola Italia, Nicoletta Maraschio, Salvatore Silvano Nigro, Ermanno Paccagnini, Silvio Ramat, Patrizia Sandretto Rebaudengo e Anna Maria Testa, si è espressa in modo attenta nei giudizi selettivi per le opere in concorso. E’ da ricordare inoltre il premio per la migliore opera prima è andato a Roberto Andò con “Il trono vuoto” –  ed Bompiani, un apologia sul potere che ci ricorda Shakespeare per i toni leggeri misti ad inquietudine.

Dovendo fare una valutazione generale riguardo allo stato di salute del romanzo italiano, in particolar modo attraverso l’edizione del Premio Letterario Campiello 2012, ci affidiamo alle considerazioni di Silvio Ramat noto saggista e poeta italiano: “Il quadro del romanzo italiano 2012 è abbastanza e comprensibilmente simile, nelle sue linee generali, a quello degli anni precedenti. E’ dunque può soltanto registrare, fra gli aspetti significativi che un po innovano le linee emerse di recente, la tenuta del romanzo familiare, che talvolta è corale o ciclico. Si fanno larghi romanzi che definirei dell’improbabile: dove episodi e problematiche di indubbia gravità, vengono ripresi e ri-narrati da punti di vista inediti. Spicca un ricambio generazionale che si affaccia ad una schiera di trentenni e quarantenni. Prevale poi nel romanzo il gusto dell’intreccio che esalta la trama senza preoccuparsi troppo della scelta stilistica”. Ma più di ogni altra cosa, le riflessioni di Massimo Cacciari ci aiutano maggiormente a comprendere il quadro della situazione attuale: “Speriamo che anche questa manifestazione aiuti la crisi di sistema che stiamo attraversando. Se non investiamo sistematicamente nel patrimonio letterario e culturale, non ci sarà alcuno sviluppo ne per noi, ne per l’Europa“.

La nascita del Premio Letterario Campiello 2012 affonda le radici nel lontano 1962 per volontà degli industriali del Veneto di istituire un premio letterario alla narrativa italiana, questo premio ha lasciato un segno tangibile non solo nella storia della letteratura, ma anche in quella del cinema attraverso il quale molte opere letteraria hanno ottenuto una trasposizione cinematografica. La fondazione è stata costituita nel 1985 con l’obbiettivo di contribuire alla promozione e alla diffusione della cultura italiana attraverso un premio ormai divenuto simbolo veneziano “Campiello” un significato riconducibile ad una riproduzione in argento del pozzo di Venezia, fonte di approvvigionamento per l’acqua (che diviene letteratura) che ci riporta indietro nel tempo nella Venezia settecentesca del  Goldoni.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy