• Google+
  • Commenta
17 Maggio 2012

Quando lo stage diventa tesi: un’esperienza di tirocinio all’estero

Il tirocinio costituisce una tappa fondamentale nel percorso formativo di ogni studente universitario che si avvia verso il mondo del lavoro. Questo tipo di esperienza consente infatti di uscire dalla dimensione accademica e di mettere alla prova le conoscenze che si sono acquisite sui libri, durante le lezioni o i laboratori. Molte facoltà prevedono uno stage all’interno del piano di studi e per alcuni studenti l’esperienza di tirocinio si trasforma in un progetto di tesi.

Per capire le potenzialità di queste attività abbiamo chiesto ad Agostino, studente della laurea specialistica in Ingegneria dell’Automazione presso il Politecnico di Milano, di raccontarci la sua esperienza di stage all’estero in un centro di ricerca tecnologico nei Paesi Baschi.

  •  In che modo questo progetto di stage si inserisce nel tuo percorso di studi?

In questo stage ho seguito un progetto che poi è diventato la mia tesi di laurea specialistica

  • Quali motivazioni ti hanno indotto a partire? 

Le motivazioni sono state varie. Innanzitutto, avendo già fatto altre esperienze all’estero, sapevo a cosa andavo incontro e avevo voglia e curiosità di conoscere un nuovo ambiente. Inoltre, ho preferito fare un’esperienza lavorativa vera piuttosto che una tesi accademica in università. Infine, la questione economica. Infatti, ricevevo uno stipendio mensile più che sufficiente per vivere bene, pagando tutte le spese (affitto, bollette..), cosa praticamente impossibile da ottenere in Italia svolgendo una tesi.

  • In quale azienda lavoravi?

Ho lavorato in Ikerlan, un centro di ricerca tecnologica privato, ma senza scopo di lucro e orientato al servizio pubblico. Tra i più avanzati e importanti del Pais Vasco e della Spagna in generale.

  • Che tipo di lavoro svolgevi?

Ho lavorato come ricercatore in un team con altre tre persone. Il nostro progetto verteva sulla creazione e validazione di modelli termici per il progetto e controllo di moduli di batterie al litio per veicoli ibridi e altre applicazioni simili.

  • Come è stato per te il salto dal mondo universitario a quello lavorativo?

Il salto dal mondo universitario a quello del lavoro non è stato particolarmente traumatico. Dopo un breve periodo di adattamento agli orari di lavoro tutto è andato bene e senza particolari problemi.

  • Pensi che la tua università proietti gli studenti in modo adeguato verso il mondo del lavoro?

Senza dubbio la preparazione del Politecnico di Milano è ottima, e ,anche se un po’ carente dal punto di vista pratico, resta comunque eccellente negli aspetti teorici e di approccio alla materia, aspetti particolarmente apprezzati all’estero.

  • In che cosa potrebbe migliorarsi?

Forse si dovrebbero incentivare tesi-stage in azienda, come nel mio caso, che permettono di concludere la carriera universitaria già con un’esperienza lavorativa significativa.

  • In che modo, pensi, un’esperienza all’estero possa essere più formativa rispetto a un’esperienza in Italia?

Innanzitutto, imparare una nuova lingua è fondamentale al giorno d’oggi, vista la globalizzazione del mercato del lavoro, ma anche come cultura personale. Inoltre, confrontarsi con ambienti di lavoro e modi di pensare diversi dai nostri arricchisce molto la persona, non solo dal punto di vista professionale, ma soprattutto personale.

  • Ti piacerebbe protrarre questa esperienza, lavorando all’estero?

Dopo la conclusione dei miei studi, l’idea sarebbe quella di emigrare nuovamente e, ovviamente, è più facile farlo nei paesi in cui ho già vissuto durante le mie esperienza all’estero. In ogni caso, se trovassi delle opportunità interessanti non avrei alcun problema a restare in Italia.

Da queste parole è facile cogliere l’utilità di questo genere di esperienze e trarne un invito a mettersi in gioco in prima persona. Sul sito del Politecnico di Milano è possibile trovare tutte le informazioni necessarie per poter dare inizio a un interessante progetto di tirocinio (http://www.polimi.it/didattica/stage-e-tirocini/).

Google+
© Riproduzione Riservata