• Google+
  • Commenta
20 giugno 2012

Gli atenei toscani uniti dall’internazionalizzazione a Firenze

Centro Matricolandosi: avvio alle immatricolazioni dell'Unipi
Gli atenei toscani uniti dall’internazionalizzazione

Gli atenei toscani uniti dall’internazionalizzazione

Firmato a Firenze il protocollo tra gli atenei toscani  per promuovere all’estero le attività di didattica e ricerca.

In occasione del Comitato regionale di coordinamento delle Università con la Regione Toscana, i rappresentanti degli atenei hanno sottoscritto un accordo che ha per obiettivo lo sviluppo delle attività di orientamento e attrazione di studenti stranieri verso la formazione nel nostro Paese.

La rete, che prende il nome di TUNE (Tuscany University Network), collega a tale scopo le facoltà di Firenze, Pisa, Siena, l’Università per Stranieri di Siena, la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e la Scuola Normale Superiore di Pisa.

All’accordo hanno preso parte le principali autorità delle istituzioni pisane, tra cui Alessandra Guidi, prorettore per l’Internazionalizzazione dell’Università di Pisa, Amos Bertolacci, delegato all’Internazionalizzazione della Scuola Normale, e Pietro Tonutti, delegato alle Relazioni internazionali della Scuola Sant’Anna. Proprio a quest’ultima spetta, infatti, la gestione del sito ufficiale del network, a cui gli studenti italiani e stranieri potranno accedere per essere costantemente aggiornati o prendere parte alle iniziative promosse da Tune.

Sono previsti numerosi accordi di cooperazione accademica, come scambi di studenti e docenti, tra le università toscane e gli istituti stranieri, in particolare quelli dei paesi emergenti. Si tratta di un passo importante verso l’internazionalizzazione, tanto più sorprendente poiché muove da una delle tradizioni universitarie più legate al territorio e alla propria storia. L’auspicio è che l’iniziativa, sull’esempio delle facoltà toscane, possa estendersi anche alle altre università italiane, non soltanto per sprovincializzare la nostra cultura, ma anche per invertire il flusso, in crescita ormai da qualche anno, degli studenti italiani verso i paesi stranieri.

Google+
© Riproduzione Riservata