• Google+
  • Commenta
23 giugno 2012

Gravidanza: scambio di cellule tra madre e feto

Se durante la gravidanza la madre dona una parte del suo corpo al figlio, non si può dire che quest’ultimo non ricambi il dono. Già, perchè a quanto pare, durante i 9 mesi di gestazione, il piccolo lascia all’interno degli organi materni alcune cellule, innescando così un vero e proprio scambio, definito dagli studiosi microchimerismo.

La scoperta giunge direttamente dagli Stati Uniti, precisamente dal Tufts Medical Center di Boston, dove un team di ricercatori ha condotto questo interessante studio, successivamente pubblicato sulla rivista scientifica Biology of Reproduction-Papers in Press.

Gli studiosi, guidati dalla dottoressa italoamericana Diana Bianchi, hanno analizzato, mediante alcuni test, il flusso sanguigno di un gruppo di topi femmina giunte quasi al termine della gravidanza. Grazie ai risultati ottenuti i ricercatori hanno individuato ben tre tipi di cellule fetali, presenti in quantità maggiore nelle zone tumorali dei polmoni materni.

Proprio quest’ultimo dettaglio sembra essere rilevante per gli scienziati. Questi, però, non sono ancora certi della reale funzione delle cellule fetali in quelle zone: se da un lato, molto positivo, esse potrebbero essere in grado di eliminare il carcinoma, dall’altro lato, decisamente negativo, potrebbero essere la causa principale del suo sviluppo.

Al momento gli esperti non hanno intenzione di sbilanciarsi, ma in entrambi i casi la scoperta potrebbe rivelarsi davvero fondamentale per la ricerca contro il cancro. Ciò di cui, però, i ricercatori sono quasi certi è che questo scambio di cellule sia un processo naturale che permetterebbe al sistema immunitario della madre di abituarsi al piccolo “ospite”.

Google+
© Riproduzione Riservata