• Google+
  • Commenta
15 luglio 2012

Diesel cancerogeno: veicoli a rischio sequestro

Che i gas di scarico dei motori non fossero salutari era noto ormai a tutti, ma il rischio di tumori causati dal diesel era forse meno conosciuto perfino fra i più informati. Invece sembra sia proprio vero: le emissioni dei veicoli con motori diesel sono dannosissimi non solo per l’ambiente circostante, ma anche per il nostro organismo.

La conferma arriva dall’Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità) che già in precedenza aveva inserito i motori diesel nel gruppo degli “agenti cancerogeni probabili” durante uno studio risalente al 1988 e terminato poco tempo fa proprio a fronte di questa notizia. Lo studio, durato 24 anni, ha infatti evidenziato la pericolosità di queste emissioni, soprattutto per i nostri polmoni, scatenando una sorta di reazione a catena.

A seguito della scoperta, infatti, il Codacons, cioè l’associazione per la difesa dei consumatori e dell’ambiente, ha immediatamente richiesto alla Procura di Milano il sequestro di tutti i veicoli diesel presenti nel capoluogo lombardo e nella sua provincia. Se accolta, la richiesta di sequestro, che trova un riferimento nell’art. 321 del Codice Penale, comporterebbe il ritiro di di circa 580mila veicoli diesel, compresi quelli privati e gli automezzi adibiti al trasporto merci.

Dal canto suo, l’Acea, l’associazione europea dei costruttori d’auto, rassicura il Codacons e tutti gli utenti, affermando che i modelli di motori diesel più recenti producono emissioni in modo molto ridotto rispetto al passato, per cui il pericolo sarebbe inesistente e il sequestro inutile.

Tuttavia l’Oms non sembra intenzionata a ritirare le “accuse”, certa delle analisi dettagliatamente effettuate dal gruppo di esperti dell’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro. Ancora una volta il nostro organismo è vittima dell’inquinamento che noi stessi abbiamo creato, per questo motivo si spera che grazie a questa ulteriore scoperta il tempo dei veicoli ecologici e meno pericolosi per la nostra salute sia un po’ più vicino.

Google+
© Riproduzione Riservata