• Google+
  • Commenta
1 luglio 2012

Dieta Atkins: aumenta il rischio di infarti e ictus

Quella di organizzare con cura il proprio comportamento alimentare, è un’operazione fondamentale se si vuole godere di buona salute. Spesso, chi prende coscienza di ciò, decide di affidarsi alla guida di una dieta abbastanza collaudata. Questo comportamento, di per sé, è lodevole, ma va considerato che molti regimi alimentari che si presentano come salutari e utili per chi cerca di conseguire una buona forma fisica, spesso presentano degli effetti collaterali tutt’altro che funzionali al raggiungimento del benessere fisico.

Potrebbe essere il caso, per esempio, della dieta Atkins. Si tratta di un regime alimentare indicato, quarant’anni fa, dall’esperto americano Robert Atkins. Chi decide di seguire questa dieta assume soprattutto cibi ricchi di proteine e grassi, limitando sensibilmente l’assunzione di carboidrati.

Secondo uno studio recentemente condotto dall’Università di Atene, in collaborazione con il German Institute of Human Nutrition e il Max Delbruck Centre for Molecular Medicine di Berlino, questa dieta, pur presentando notevoli benefici in termini di perdita di peso, rappresenta una seria minaccia alla salute.

I ricercatori, guidati dalla professoressa Pagona Lagiou, hanno presentato un questionario a 3.396 donne svedesi, interrogandole sulle loro abitudini alimentari e sul loro stato di salute. La salute delle componenti del campione è stata monitorata per quindici anni. Dalle loro analisi è emerso che chi seguiva una dieta molto ricca di proteine soffriva maggiormente di problemi cardiaci.

Secondo l’indagine degli studiosi sarebbero maggiormente a rischio le giovani donne. Fra queste, l’adozione della dieta Atkins o di un simile regime alimentare, comporterebbe un aumento del 5% del rischio di ictus e infarti.

 

Google+
© Riproduzione Riservata