• Google+
  • Commenta
28 luglio 2012

Google Science Fair: la vincitrice è la giovane Brittany Wenger

Google Science Fair
Google Science Fair

Google Science Fair

Brittany Wenger è la vincitrice di Google Science Fair.

Wenger diciassettenne originaria della Florida, ha creato un’applicazione per smartphone che aiuta a diagnosticare il cancro al seno.

Per questo motivo ha vinto il Google Science Fair, una competizione promossa annualmente da Mountain View e destinata agli scienziati di domani.

Ecco di cosa si tratta è perché la ricerca della diciassettenne della Florida a dell’incredibile tanto da meritarsi un rinomato premio come quello messo in palio da Google.

Vincitrice nei giorni scorsi, la giovane Brittany Wenger è stata premiata con una borsa di studio di 50 mila dollari, con due soggiorni studio nei centri di ricerca più noti al mondo, il Fermilab e il Cern, il tutto, unito ad una grande coppa costruita con i Lego.

Quello che è riuscita a fare Brittany ha dell’incredibile, la ragazzina americana ha creato un supporto professionale molto preciso e soprattutto molto versatile, in grado di aiutare l’oncologo durante le visite diagnostiche.

Il programma, chiamato “rete neurale”, è stato progettato dalla Wenger per imitare il cervello umano; è infatti in grado di elaborare una massiccia quantità di informazioni (7,6 milioni di processi attivi), per diagnosticare il cancro al seno. Il suo programma utilizza i dati forniti dall’“aspirazione con ago sottile”, una procedura molto poco invasiva che, purtroppo, è finora risultata uno dei metodi diagnostici meno precisi. L’applicazione della Wenger, unita alla tecnica dell’ago aspirato, migliora notevolmente l’efficacia della diagnosi, arrivando ad identificare correttamente il 99 per cento dei tumori maligni.

Sul sito Cloud4Cancer Breast Cancer Detection si può provare il funzionamento dell’applicazione.

Oltre a lei, ci comunica lo Scientific American, sono stati premiati altri quattro adolescenti; si tratta di Jonah Kohn, originario di San Diego e vincitore nella categoria 13-14 anni e degli spagnoli Ivan Hervias Rodriguez, Marcos Ochoa e Sergio Pascual, in gara per la categoria 15-16 anni.

Google+
© Riproduzione Riservata