• Google+
  • Commenta
8 luglio 2012

StartCup 2012 Calabria. Idee d’impresa alla TechWeek

StartCup 2012

Sono 23 le innovation ideas d’impresa che entrano nella fase di settembre della TechWeek (in programma dal 3 all’8 presso il TechNest) della StartCup 2012, la business competition ideata e organizzata dall’incubatore TechNest dell’Unical

StartCup 2012

StartCup 2012

E’ stata assai partecipativa in numero e qualità la rappresentazione della innovazione calabrese nei progetti presentati: 90 registrazioni e 63 i colloqui svolti nel corso del tour del BarCamper.

Non è stato semplice il compito di selezione delle migliori idee d’imprese che parteciperanno al prossimo step della competizione. Sono rimasti fuori dalla kermesse, a causa del numero limitato di posti disponibili per la TechWeek, numerosi progetti validi con potenzialità di innovazione importante.

Tre i criteri principali utilizzati per la scelta: la composizione del team, l’innovatività dell’idea imprenditoriale e la sua sostenibilità. Per ogni criterio è stato espresso un giudizio su una scala di 5 valori, la cui somma ha determinato la lista dei progetti ammessi.

Delle 23 idee selezionate per la partecipazione alla TechWeek, 11 arrivano da Cosenza, 1 da Crotone, 3 da Catanzaro, 3 da Vibo Valentia e 5 da Reggio Calabria.

E’ prevalso il settore ICT – Social Innovation rispetto agli altri ambiti del ”Life Science”, “Agrifood – Cleantech” e “Industrial”.

La soddisfazione di Riccardo Barberi sulla StartCup 2012

Soddisfazione è stata espressa dal coordinatore della Start Cup, il prof. Riccardo Barberi, per gli ottimi risultati raggiunti.

«L’ammissione di un numero di idee superiore a quello originariamente previsto, fissato in venti, deriva dalla elevata valutazione comune raggiunta da un ampio gruppo di partecipanti e è, in questo senso, indice di un buon livello qualitativo generale – ha commentato Barbieri in una nota apparsa sul sito dell’unical–  ma il numero limitato di posti per la TechWeek non ha permesso di includere molti altri progetti che riteniamo abbiano le potenzialità per dare un contributo concreto ai processi di innovazione di cui ha bisogno la nostra regione. Questo è il vero motore di sviluppo del Paese e l’invito è a non mollare».

A ottobre, a Bari, è previsto il gran finale col TechGarage, dove i diversi progetti saranno presentati ad una giuria altamente qualificata di imprenditori, operatori di istituti finanziari e di fondi di seed e venture capital, amministratori pubblici e docenti universitari.

L’ultimo passaggio consentirà l’accesso e l’ammissione al Premio Nazionale Innovazione e al circuito di TechNest, l’incubatore di imprese nel campus dell’Unical.

Melina Rende

Google+
© Riproduzione Riservata