• Google+
  • Commenta
20 settembre 2012

Ecco la monoposto del team universitario More Modena Racing

Monoposto Formula Student 2013
More Modena Racing

More Modena Racing

Studenti del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, il team More Modena Racing grazie al fondamentale contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, hanno dato vita per il nono anno ad una vettura monoposto a ruote scoperte che ha partecipato nel corso dell’anno a competizioni riservate a team universitari.

Coinvolti nel lavoro di progettazione e realizzazione una quarantina di studenti raccoltisi intorno al gruppo More Modena Racing – MMR.  

Per il nono anno consecutivo gli studenti del team More Modena Racing – Modena More Racing del Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia hanno allestito e realizzato un progetto di vettura monoposto a ruote scoperte, con cui hanno partecipato al campionato mondiale “Formula Student”, una manifestazione che vede impegnati nel mese di luglio studenti di ingegneria di molti dei più importanti Atenei del mondo.

Il team More Modena Racing nato nel2004, havisto in questi anni passarsi il testimone della competizione tra sempre nuovi gruppi di studenti di ingegneria, che ogniqualvolta si sono impegnati nella progettazione di un bolide di avanzata concezione, trovando puntualmente assistenza nei docenti del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari”, che sostiene ed investe sempre più nell’iniziativa “Formula Student”, in quanto considerata una opportunità per i propri iscritti di cimentarsi fattivamente con il mondo dei motori sportivi e la pista, un veritiero ed inappellabile campo di prova per le loro elaborazioni teoriche e pratiche.

Sono una decina, infatti, i laboratori specifici coinvolti all’interno dei quali gli studenti, guidati dai docenti esperti nella disciplina, si impegnano per almeno un anno ad applicare ed approfondire le conoscenze ricevute nei corsi tradizionali, lavorando come un vero e proprio team More Modena Racing. Fin dalla loro istituzione, i laboratori hanno riscosso un notevole successo di partecipazione, coinvolgendo mediamente circa cinquanta studenti, provenienti da tutti i corsi di laurea in Ingegneria, a dimostrazione della interdisciplinarietà del progetto. Un contributo fondamentale alla costruzione delle monoposto finora realizzate è venuto, comunque, dalle lauree di primo livello (triennali) in Ingegneria Meccanica ed in Ingegneria Elettronica, nonché dalla laurea magistrale in Ingegneria del Veicolo.

Il Rettore prof. Aldo Tomasi fa il punto sulla monoposto More Modena Racing

Per i nostri studenti l’appuntamento con Formula student è diventato parte integrante del loro programma di studi – afferma il Rettore prof. Aldo Tomasitanto che esso trova pieno riconoscimento nei curricula. Il limite della iniziativa, che vive soprattutto della molta passione e dedizione dei ragazzi che di anno in anno si succedono nel lavoro di team, è che purtroppo possono contare su risorse finanziarie decisamente più ridotte rispetto ai team anglosassoni e anche di tanti altri Atenei. Dobbiamo tuttavia essere grati alla Fondazione Cassa di Risparmio che ha colto a pieno il valore formativo di questa iniziativa ed ha compreso che essa ha certamente positive ricadute per un territorio come il nostro caratterizzato dalla presenza di importanti industrie ed aziende operanti nel mondo del veicolo. I futuri ingegneri che si porteranno dietro questa esperienza saranno infatti già pienamente forgiati per fare il loro ingresso nel mondo del lavoro, in quanto partono da un qualificato bagaglio scientifico e professionale testato sul campo”.

Purtroppo, la preparazione della vettura nella fase finale quest’anno è stata interrotta dagli eventi sismici del maggio scorso, che hanno forzatamente ritardato e rallentato il lavoro dei giovani del team More Modena Racing e, conseguentemente, la monoposto unanimemente apprezzata dalle giurie per la coraggiosa progettualità e innovazione tecnologica adottata, non ha potuto ottenere brillanti piazzamenti nelle competizioni in pista, sia a Silverstone (Uk) che a Varano de’Melegari in provincia di Parma, dove la vettura 2012 è stata presentata.

Il 2012 è stato un anno molto difficile con il terremoto che si è andato ad aggiungere ad una congiuntura economica già sfavorevole. Il budget del progetto – afferma il prof. Enrico Mattarelli del Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari – è stato pertanto decisamente ridotto rispetto agli anni passati, e si sono registrati ritardi nell’allestimento della vettura, dovuti ai tragici eventi della scorsa primavera. Si è pertanto dovuto fare di necessità virtù, andando a riciclare il più possibile componenti della vettura dello scorso anno e lavorando nella massima economia. Purtroppo questo utilizzo di componenti usati si è rivelato fatale per l’affidabilità della vettura, che in entrambe le gare disputate quest’anno, in Inghilterra a luglio (circuito di Silverstone) ed in Italia a settembre (circuito di Varano De’ Melegari), ha subito guasti che le hanno impedito di esprimere il proprio potenziale. Tale potenziale è stato peraltro riconosciuto dai giudici nelle prove statiche, tant’è che, nonostante il ritiro dalle prove dinamiche principali, in Inghilterra il team si è piazzato 60° su 120 partecipanti da tutto il mondo. Ciò, dimostra quanto sia difficile, non solo per i nostri studenti, progettare, costruire e testare una vettura in circa sei mesi. Dimostra inoltre, a mio avviso, che ciò che è mancato al progetto non è stato lo sforzo progettuale teorico, ma forse la <freddezza> di rinunciare ad alcune finezze tecniche, per concentrare le poche risorse sugli aspetti più essenziali. Al di là dell’amarezza per l’esito delle gare, non sono comunque mancati gli aspetti positivi anche quest’anno. Vi è anzitutto l’orgoglio di avere completato, per il nono anno consecutivo, un progetto di livello tecnico apprezzabile nonostante tutte le avversità, e già questo è un record tra le Università italiane. Il team More Modena Racing ha inoltre suscitato l’interesse di nuovi sponsor prestigiosi, quali Lamborghini ed Oral Engineering e, infine, ritengo che le esperienze, sia positive che negative, faranno certamente crescere il bagaglio tecnico dei nostri studenti e serviranno ad indirizzare meglio le scelte future”.

Formula Student è un’iniziativa di elevata valenza formativa per gli studenti patrocinata dalle maggiori associazioni internazionali di Ingegneria quali SAE :Society of Automotive Engineers; IMechE: Institution of Mechanical Engineering,  ATA: Associazione Tecnica dell’Automobile. Formula Student propone, infatti, agli studenti provenienti dalle Università di tutto il mondo di progettare e costruire in meno di un anno solare una monoposto a ruote scoperte, con la quale gareggiare in una competizione tecnico-sportiva che si tiene con cadenza annuale in Inghilterra.

Significativo ai fini della partecipazione studentesca al Campionato “Formula Student” l’apporto dei partner economici, che hanno reso possibile un’esperienza di questa portata particolarmente preziosa per gli iscritti di Ingegneria, e dei partner tecnici che, fornendo particolari meccanici di elevato valore tecnico, hanno creduto nel contenuto formativo di questo ambizioso progetto.

Fra i partner economici vanno citati: la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, l’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, Lamborghini Automobili, Ri.Pa. Mentre fra i partner tecnici vanno ricordati i contributi di: nuovamente Lamborghini Automobili, DTS, Saima Avandero, TT Trattamenti Termici, Bercella, Formula Seven, Efi Technology, OMTM, CRP Technology, Apicom, New-Line, Polstar, Octis, Getecno, Impero, Modelleria Bagatti, Gilardoni Cilindri, Pistal Racing, Motostar, Carrozzeria SM, Nuovo CAT, Grafite Compositi, Musola Metalli, K-ERS, Oral Engineering, La.Ce.Co, Autodromo Modena, Centro Grafico GB, Nigrelli, GiEffe Racing.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy