• Google+
  • Commenta
18 ottobre 2012

Al via progetto tra Bristol-Myers Squibb e Ateneo di Catania

Bristol-Myers Squibb e Università di Catania scrivono una nuova pagina nei rapporti tra aziende farmaceutiche e Università: uno specializzando in Farmacologia della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Ateneo catanese integrerà la sua formazione specialistica svolgendo presso l’azienda uno stage sulla Metodologia Clinica.

È la prima volta che uno specializzando ha l’opportunità di svolgere parte del suo percorso formativo all’interno della Direzione Medica di un’azienda farmaceutica e conoscere così di prima mano il modo in cui vengono prese le decisioni strategiche sui farmaci, dallo sviluppo clinico all’accesso al mercato.

Obiettivo dell’iniziativa è avviare una nuova fase di collaborazione tra Università e aziende, facilitando una maggiore sintonia tra tutti coloro che operano per la salute nel settore pubblico e privato.

Una maggiore attenzione alla formazione specifica sulla Medicina Farmaceutica nel piano formativo delle Università italiane è strategica per migliorare il dialogo tra medici e operatori sanitari da un lato, e industria del farmaco dall’altro.

Una conoscenza approfondita della metodologia dello sviluppo clinico in futuro potrebbe favorire una partecipazione più efficace agli studi clinici.

«Si tratta di un passo di grande significato perché è un riconoscimento implicito dell’importanza del know-how che hanno le industrie impegnate in progetti significativi di Ricerca e Sviluppo afferma Giovan Battista Leproux, Executive Medical Director di Bristol-Myers Squibb ci auguriamo che con questo progetto possa aprirsi una nuova fase di collaborazione tra Università e privati, facilitando l’osmosi tra questi due compartimenti con interessi tanto affini».

«L’idea di una partnership tra BMS e la nostra Scuola di specializzazione in Farmacologia Medica – afferma Maria Angela Sortino, Direttore della Scuola di specializzazione è nata da un forte, comune interesse verso la possibilità di rendere più vicine due realtà distinte come l’Università e l’industria farmaceutica. Il medico in formazione specialistica ha l’opportunità di avere una visione diretta del mondo del farmaco, dalle fasi dello sviluppo clinico alla gestione post-marketing».

«L’obiettivo – aggiunge Sortino ­­– è creare un’intesa più stretta e uno scambio reciproco che consenta l’apertura di nuove prospettive comuni per la formazione e il successivo inserimento nell’ambito clinico e/o nel settore farmaceutico del farmacologo medico».

L’iniziativa mira inoltre a consolidare la partnership tra Università e mondo del lavoro, facendo conoscere agli specializzandi nuovi percorsi professionali nell’ambito della Medicina e della Farmacologia.

La realizzazione di questo ambizioso progetto con l’Università di Catania vede il coinvolgimento delle Direzioni dell’azienda e l’attiva partecipazione delle Risorse Umane di Bristol-Myers Squibb.

«Vediamo con grande favore l’avvio di questo progetto con l’Università – ha dichiarato Alessandro Merlino, Direttore Risorse Umane Bristol-Myers Squibb Italia – attrarre talenti dal mondo scientifico con una formazione ed un’apertura sulle dinamiche del mondo industriale è un volano importante per una rapida integrazione nel sistema aziendale e apre un capitolo nuovo nella formazione dei futuri interlocutori della nostra azienda nell’area Ricerca e Sviluppo dei nuovi farmaci» .

Da diversi anni la Direzione Medica di Bristol-Myers Squibb ha posto la collaborazione con le Facoltà di Medicina e Chirurgia tra le proprie priorità: la prima importante collaborazione di Bristol-Myers Squibb con l’Università risale al Novembre 2003, quando la Direzione Medica ha organizzato un corso di Metodologia Clinica presso la Facoltà di Medicina dell’Università di Foggia.

Nel 2006, al termine di un corso analogo organizzato presso l’Università Campus Biomedico di Roma, tramite la somministrazione di questionari è stato rilevato un notevole gradimento da parte degli studenti. Sempre nella logica di aprire nuove vie di collaborazione con le Università, nel 2010 la Direzione Medica di Bristol-Myers Squibb ha organizzato un corso di Metodologia Clinica presso l’Ospedale Fatebenefratelli di Roma, al di fuori dunque di un contesto strettamente universitario.

 

Bristol-Myers Squibb

Bristol-Myers Squibb è un’azienda Biopharma impegnata a scoprire, sviluppare farmaci innovativi che aiutano i pazienti a combattere gravi patologie.

Bristol-Myers Squibb produce soluzioni terapeutiche nelle aree dell’oncologia, virologia, immunoscienze, neuroscienze, cardiovascolare e metabolica.

Con investimenti oltre 3,8 miliardi di dollari in ricerca e sviluppo il Gruppo ha registrato nel 2011 un volume d’affari superiore ai 21 miliardi di dollari e si è classificata prima nella classifica delle aziende farmaceutiche stilata da Forbes.

Bristol-Myers Squibb, presente in Italia dal 1946, occupa 1.300 dipendenti, con sede a Roma e stabilimenti  ad Anagni dove vengono prodotti farmaci esportati in tutto il  mondo. La filiale italiana è una delle più importanti e strategiche per il Gruppo e per il nostro Paese.

Per ulteriori informazioni: www.bms.it  e   www.bms.com.

Fonte foto

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy