• Google+
  • Commenta
18 ottobre 2012

UniCt, Parte il progetto “L’Università fa la differenza…”

Università di Catania –  Conto alla rovescia per il nuovo progetto di “Gestione e riduzione dei rifiuti in ambito universitario” (Gru), che riguarderà la gestione e l’ottimizzazione della raccolta differenziata all’interno della Cittadella universitaria dell’Università di Catania.

Dopo mesi di preparazione e sperimentazione, accompagnate da diverse attività informative e di sensibilizzazione per docenti e studenti dell’Ateneo catanese, infatti, il progetto Gru partirà ufficialmente con la fase sperimentale il prossimo lunedì 22 ottobre, lanciando lo slogan “L’Università fa la differenza”.

Gru è un progetto di educazione ambientale a cui hanno aderito – oltre all’Università di Catania tramite l’ex facoltà di Ingegneria – anche il Politecnico di Milano e l’Università Federico II di Napoli, e che è stato realizzato grazie alla collaborazione di Dusty srl, dell’associazione “Ingegneria senza frontiere” di Napoli e dell’European Network of Environmental Professional (Enep).

Gli obiettivi principali di Gru sono quelli di accrescere la consapevolezza del corpo docente, del personale tecnico-amministrativo e degli studenti sulle criticità legate al tema dei rifiuti, diffondendo comportamenti individuali e collettivi che siano eco-compatibili, ossia attenti ai potenziali impatti prodotti sull’ambiente; e, inoltre, quelli di responsabilizzare gli studenti nelle modalità di smaltimento dei rifiuti, favorire l’adozione di  best practices sui rifiuti (scala nazionale ed europea), di sensibilizzare le amministrazioni per l’introduzione di criteri ambientali nelle procedure di acquisto, di promuovere tavole rotonde con la partecipazione degli studenti, in modo che possa essere favorito lo scambio di esperienze personali e possano essere esaminate le proposte degli studenti stessi, di allestire bacheche con annunci per la promozione di forme di riuso dei prodotti.

Ma potranno essere anche organizzate visite tecniche ad impianti di riciclaggio o altre tipologie di impianto relativo al trattamento dei rifiuti per i gruppi di lavoro coinvolti, promosse tesi di laurea sul progetto Gru e, in generale, sul tema dei rifiuti, predisposto un decalogo dei principi per la riduzione dei rifiuti nelle residenze universitarie e di un glossario sulla corretta differenziazione dei rifiuti e predisporre e somministrare un questionario, come “strumento di conoscenza”.

Al fine di raggiungere questi obiettivi sono state progettate diverse attività, molte delle quali sono già state portante avanti dal gruppo di lavoro etneo, composto dal supervisore ing. Giuseppe Mancini e dagli ing. Fabio Nicosia e Andrea Polizzi, dal dott. Niccolò Lo Piccolo e dalla dott.ssa Eleonora Palmeri. Nel corso di questi mesi, infatti, sono stati organizzati diversi incontri sul tema dei rifiuti e, in particolare sulla promozione della raccolta differenziata e sulla riduzione della produzione di rifiuto in ambito universitario. Altre attività saranno realizzate nel corso dei prossimi mesi.

Da lunedì 22, quindi, le aule studio e i punti di ristoro della Cittadella universitaria di Catania saranno dotati di appositi contenitori per la raccolta della carta e della plastica/alluminio, sui quali si troveranno tutte le indicazioni sui rifiuti da raccogliere. Al personale docente e tecnico amministrativo, inoltre, verrà consegnato un sacchetto nominale per la raccolta della sola carta da tenere all’interno del proprio ufficio.

Quattro volte al mese verranno effettuati il ritiro, lo svuotamento e restituzione del sacchetto da riutilizzare nei mesi successivi. Vetro, plastica e alluminio potranno essere conferiti nei bidoni carrellati appositamente disposti nelle aree sensibili e nei punti di ristoro. Sono inoltre attivi degli infopoint all’interno dell’Edificio polifunzionale e del Cus, ed è stato allestito un apposito sito internet all’indirizzo gru.ing.unict.it.

Gru è stato finanziato dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (Mattm) e cofinanziato dal soggetto capofila, l’associazione degli Ingegneri per l’Ambiente e il Territorio (Aiat).

A seguito del bando per la realizzazione di progetti in materia di educazione ambientale e allo sviluppo sostenibile pubblicato nel novembre 2010, la proposta dell’Aiat si è classificata ottava tra gli oltre 300 progetti presentati da associazioni, fondazioni e organizzazioni non governative operanti nel settore della tutela ambientale, ricevendo quindi il finanziamento del Ministero nell’ambito dell’asse prioritario di intervento “Raccolta differenziata dei rifiuti e lotta alle ecomafie” (asse III).

Il progetto, di durata annuale, ha preso il via ufficialmente il 1° marzo scorso ed è stato presentato a Catania il 2 maggio scorso con un incontro al quale hanno partecipato i rappresentanti di tutti i dipartimenti dell’Ateneo catanese coinvolti nel progetto: dipartimento di Gestione dei Sistemi agroalimentari e ambientali (Digesa), dipartimento di Ingegneria elettrica, elettronica e informatica (Dieei), dipartimento di Ingegneria industriale (Dii), dipartimento di Ingegneria civile e ambientale (Dica), dipartimento di Scienze delle Produzioni agrarie e alimentari (Dispa), dipartimento di Architettura (Darc), e dipartimento di Scienze Chimiche.

«L’auspicio – ha affermato l’ing. Mancini – è che alla fase sperimentale faccia seguito l’acquisizione di un comportamento ordinariamente sano prima alla cittadella e poi nel resto dell’Ateneo».

 

Fonte Foto: Ufficio Stampa Università di Catania

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy