• Google+
  • Commenta
13 dicembre 2012

Selezioni infermieri, dal Regno Unito all’Università Milano Bicocca

Dall’Inghilterra all’Università Milano Bicocca per selezionare infermieri da inserire all’interno del servizio pubblico della Sanità inglese.

Lo stipendio per il neo assunto, è di 300 sterline alla settimana, con la possibilità di un aumento in futuro. Si tratta, tuttavia, di una forma contrattuale a tempo determinato della durata di 6 mesi minimo con la possibilità di inserimento a tempo indeterminato.

Questa iniziativa è stata organizzata dall’Agenzia Inglese Hcl, società di selezione specializzata nel settore sanitario. Tale agenzia si è messa in contatto con l’Eures, l’agenzia per l’impiego della Comunità europea per approdare presso l’Ufficio Stage dell’Università Bicocca di Milano.

Per approfondire l’argomento, intervistata la Responsabile dell’Ufficio Stage e tutoraggio dell’Università Milano Bicocca la Dottoressa Mara Bonaldo.

Come si è creato il rapporto tra l’Università Bicocca e il Regno Unito?

Il rapporto tra l’Università Bicocca e il Regno Unito si è creato grazie ad Eures-Milano, la rete della Comunità Europea che ha lo scopo di fornire servizi ai lavoratori e ai datori di lavoro nonchè a tutti i cittadini che desiderano avvalersi del principio della libera circolazione delle persone. I servizi prestati sono di tre tipi: informazione, consulenza e assunzione/collocamento ( incontro domanda/offerta). Da diversi anni i nostri uffici Placement collaborano con i referenti di Milano allo scopo di offrire nuove opportunità professionali agli studenti e ai laureati della Bicocca, nonchè gli strumenti informativi utili alla mobilità internazionale.”

Quanti sono stati i laureati e i diplomati presi in esame dall’Agenzia di Reclutamento Eures?

“Le selezioni e i contatti al momento sono ancora in corso, poichè il tutto è nato con la presentazione dell’offerta di lavoro il giorno stesso del nostro Career Day. Ora gli interessati, rivolgendosi alle referenti Eures-Milano, avranno modo di presentare la loro candidatura. “

In futuro l’Università manterrà ancora i rapporti con il Regno Unito o con altri paesi esteri?

” Certo, è volontà del nostro servizio Placement, come confermato dal nostro Delegato per le attività del Job Placement, prof.ssa Civardi, continuare e incentivare le opportunità di stage e lavoro all’estero, non solo nel Regno Unito ma anche negli altri Paesi Europei ed Extraeuropei.”

Gli ospedali inglesi sono quindi in attesa di cogliere i laureati italiani e i futuri infermieri anche prima del diploma. Speriamo che questa importante iniziativa riesca a far crescere l’occupazione dei nostri giovani, attraverso percorsi formativi ed esperienze estere,  dando loro la possibilità di tornare in Italia con un bagaglio in piu’,  rispetto a coloro che invece sono rimasti nel nostro paese. Questo potrebbe essere un’opportunità maggiore per incrementare il lavoro in Italia in un periodo ormai di forte crisi economica soprattutto nel mondo giovanile.

Google+
© Riproduzione Riservata