• Google+
  • Commenta
20 dicembre 2012

Unito: Cent’anni di eredità e di opere

 L’Università degli Studi di Torino oggi ha inaugurato la Targa dei Benefattori con un Convegno dal titolo “Cent’anni di eredità e di opere”. L’iniziativa di dedicare una targa ai propri benefattori nasce con l’idea di individuare una forma di riconoscimento che testimoni nel tempo il profondo senso di gratitudine dell’Ateneo torinese nei confronti di coloro che negli anni passati, ricordandosi delle finalità perseguite dalle università e dei risultati conseguiti dal nostro Ateneo in tema di formazione culturale e di ricerca scientifica, hanno lasciato il loro patrimonio o parte di esso all’Università degli Studi di Torino oppure ad enti o istituzioni cui la stessa partecipa. Cent’anni di eredità ma anche di donazioni.

La ricerca effettuata per l’istituzione dell’Albo dei Benefattori, che sarà conservato presso l’Archivio Storico dell’Ateneo, è stato un viaggio tra palazzi, titoli e azioni ma anche tra storie di vita e di famiglia.

PROGRAMMA

Ore 14.30 – Cerimonia di scopertura della Targa dei Benefattori

Ore 15.00 – Convegno “Cent’anni di eredità e di opere”

Saluti:

–         Ezio Pelizzetti, Rettore, Sergio Roda, Pro Rettore e Loredana Segreto, Direttore Generale dell’Università di Torino.

Interventi:

–         Alfiero Battistoni, Direttore della Divisione Patrimonio e contratti dell’Università di Torino Una lunga storia di generosità

–         Gianni Bisi, Professore Ordinario del Dipartimento di Medicina interna

Gian Luigi Turco, professore e benefattore

–         Marco Luzzati, Presidente dell’Archivio delle Tradizioni e del Costume Ebraici B. e A. Terracini

L’Università torinese per gli ebrei e gli ebrei per l’Università

–         Ferdinando Rossi, Direttore della Fondazione Cavalieri-Ottolenghi

L’Istituto di Neuroscienze della Fondazione Cavalieri-Ottolenghi (NICO)

–         Salvatore Coluccia, Delegato del Rettore

Conclusioni: un ponte verso il futuro

Esposte significative testimonianze documentarie a cura dell’Archivio storico dell’Università.

Google+
© Riproduzione Riservata