• Google+
  • Commenta
26 gennaio 2013

Amato e Prodi all’Università di Parma

Seminario BRICS: Amato e Prodi all’Università di Parma – Venerdì 1 febbraio, alle ore 15, presso l’Aula dei Filosofi del Palazzo Centrale dell’Ateneo (via Università 12 – Parma), si terrà il seminario di studi BRICS: Costituzionalismo ed economia ai tempi della globalizzazione.

Dopo i saluti del prof. Gino Ferretti, Rettore dell’Università di Parma, e dei proff. Giovanni Bonilini e Giuseppe Franco Ferrari, rispettivamente Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Ateneo e Direttore della rivista di Diritto Pubblico Comparato ed Europeo, seguiranno gli interventi del di  Amato e Prodi .

Il dibattito sarà introdotto dal prof. Tommaso Edoardo Frosini dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli.

Per due anni l’Università di Parma ha ospitato cicli di seminari inerenti le dinamiche giuridiche dei Paesi emergenti (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica), con la partecipazione dei massimi studiosi italiani della globalizzazione e del diritto comparato.

Al termine di questo percorso la curatrice dei seminari, la prof.ssa Lucia Scaffardi, del Dipartimento di Giurisprudenza, ha chiesto a due insigni docenti ed esperti quali Giuliano Amato e Romano Prodi (entrambi per due volte Presidenti del Consiglio), di dibattere sulla doppia visione, giuridica ed economica, dei Paesi che hanno dato vita ai BRICS.

Il prof. Giuliano Amato, Presidente della Treccani e della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, è uno dei giuristi più autorevoli a livello internazionale ed è attualmente membro della School of Government della Luiss di Roma.

Il prof. Romano Prodi, Presidente della Fondazione per la collaborazione tra i popoli e docente in diverse università cinesi, è attualmente inviato ONU per i problemi del Sahel, con particolare riferimento alla delicatissima situazione del Mali.
L’appuntamento è organizzato in occasione della pubblicazione del libro BRICS: Paesi emergenti nel prisma del diritto comparato (Giappichelli 2012), a cura della prof.ssa Lucia Scaffardi.

Google+
© Riproduzione Riservata