• Google+
  • Commenta
28 febbraio 2013

L’Università di Ferrara premia la sostenibilità

Cerimonia di consegna dei premi alle 9 migliori tesi sulla sostenibilità in ambito ambientale, economico e sociale

Venerdì 1 marzo, alle ore 11.30, presso il Palazzo Bevilacqua Costabili (via Voltapaletto, 11), sede del Dipartimenti di Economia e Management, si terrà la Cerimonia di premiazione, a cura del Rettore Pasquale Nappi, delle 9 migliori tesi del 2012 aventi come argomento la Sostenibilità, ripartite sulle tre aree: Ambientale, Economica e Sociale. Per ciascuna area, sarà assegnato un premio, al lordo delle ritenute fiscali e previdenziali di legge, di 1.000,00 Euro al primo classificato e di 500,00 Euro al secondo e al terzo classificati.

«Un premio è un riconoscimento all’impegno rivolto ad un valore– sostiene Francesco Dondi, Delegato del Rettore per le politiche di Sostenibilità – la Sostenibilità in questo circostanza. Chi riceve il premio, sente di ricevere qualcosa di gratuito e di unilaterale, ma, nello stesso tempo, percepisce di dover rispondere con un impegno futuro, altrettanto libero e spontaneo, per risponder alle attese che su di lui sono state riposte. E’ il principio di reciprocità che entra in campo e che sta alla base di questa iniziativa premiale, in linea con la recente Conferenza di Rio + 20 che afferma che le giovani generazioni sono i custodi del futuro. La Sostenibilità è essenzialmente una cultura interdisciplinare e la scienza della Sostenibilità è un nuovo ambito di ricerca che studia l’ interazione tra i sistemi naturali ed i sistemi sociali, quelli cioè che riguardano la Natura da un lato e quelli che riguardano la Società nei loro aspetti economici e di giustizia dall’altro. E’ cosa necessaria ed urgente se solo si pensa ai disastri ambientali e sociali dei rifiuti in Campania o all’Ilva di Taranto. Ma, perché no, possiamo anche riferirci alle incertezze nella vita delle famiglie provocate dalla dilagante disoccupazione od ai problemi di integrazione che affliggono il nostro territorio. Durante l’evento, verrà allestita una pubblica esposizione dei poster riassuntivi di tutte le tesi che hanno partecipato alla competizione, provenienti dai più diversi ambiti: architettura, medicina, scienze umane, naturali, gestionali. Questo spazio sarà il luogo ove coniugare il nuovo paradigma dello Sviluppo Sostenibile, che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i propri bisogni (Rapporto Bruntland)».

Per l’occasione, resterà liberamente aperto al pubblico, assieme all’esposizione dei poster, anche tutto il Palazzo Bevilacqua Costabili, nei pomeriggi di Venerdì 1 e Sabato 2 marzo, dalle 14 alle 18, per vedere nel contempo sia i risultati delle tesi in competizione che le bellezze architettoniche dell’edificio recentemente restaurato.
Con questa iniziativa si vuole affermare il partenariato tra Università e Comunità locale, legate nell’impegno comune verso il traguardo della Sostenibilità: una condivisione quindi delle risorse, delle opportunità, dei risultati e dei valori.

Google+
© Riproduzione Riservata