• Google+
  • Commenta
4 febbraio 2013

Mieloma Multiplo – Pubblicato studio sul Mieloma Multiplo

Università di Parma – I risultati di unimportante ricerca dell’Università di Parma sul mieloma multiplo, tumore a elettiva localizzazione midollare caratterizzato dalla spiccata tendenza a indurre lesioni ossee e dalla elevata resistenza alle correnti terapie, sono stati pubblicati su Leukemia, importante rivista ematologica con Impact Factor di 9.5.

Il gruppo di ricerca del Laboratorio di Ematologia, coordinato dal prof. Nicola Giuliani del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell’Ateneo, ha dimostrato come la condizione di ipossia che caratterizza fisiologicamente il midollo osseo svolga un ruolo critico nel processo di vascolarizzazione e crescita tumorale a essa correlata e nella distruzione ossea indotta dal tumore.

Conseguentemente il fattore inducibile dell’ipossia 1-alpha (HIF-1alpha) è stato identificato comeimportante bersaglio terapeutico nel mieloma multiplo. Utilizzando un pool di vettori lentivirali in grado di sopprimere l’espressione di HIF-1alpha nelle cellule di mieloma multiplo, è stata, infatti, ottenuta una spiccata riduzione in vivo della crescita tumorale sia intraossea che extramidollare. L’inibizione di HIF-1alpha aumenta inoltre l’effetto anti tumorale di farmaci come la lenalidomide utilizzati attualmente nella terapia del mieloma multiplo. I risultati raggiunti nello studio pongono le basi razionali per l’utilizzo e sviluppo clinico di inibitori di HIF-1 nella terapia del mieloma multiplo.

L’articolo vede il contributo di giovani assegnisti e dottorandi di ricerca afferenti al Laboratorio di Ematologia, del prof.Franco Aversa, docente del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell’Ateneo e Direttore dell’UO di Ematologia e CTMO dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma e del prof. Gaetano Donofrio, del Dipartimento di Scienze Medico-Veterinarie.

Allo studio hanno collaborato inoltre ricercatori di altri atenei Italiani, tra cui l’Università di Milano, ed esteri (Università di Nantes, Francia, Indiana University School of Medicine, USA e MD Anderson Cancer CenterUniversity of Texas, USA).

Google+
© Riproduzione Riservata