• Google+
  • Commenta
19 marzo 2013

Feto in Frigorifero all’Università Bicocca. Il Rettore Fontanesi: “Mai fatto ricerche su tessuti fetali”. Ricercatori Indignati

Ritrovamento Feto

Università degli Studi di MILANO-BICOCCA

Ritrovamento Feto in Frigorifero, in Bicocca si lavora per individuare le responsabilità

Un feto di quattro mesi è stato trovato in una cella frigorifera da una dipendente all’interno del dipartimento di biotecnologia dell’Università Bicocca di Milano.

Si tratta di un feto umano di 4-5 mesi, secondo quanto riferito alla polizia.

Ricercatori di biotecnologie della Bicocca sono amareggiati, sulla vicenda del Feto in Frigorifero in Bicocca.

“Sono stati eseguiti lavori di manutenzione nel piano in cui si trova il frigorifero “incriminato”. – dicono –

Chi opera al terzo piano dell’U3 teme adesso che venga screditato il lavoro quotidiano. “Ma ci sono regole precise, che rispettiamo”,  – concludono – .

Questa mattina il Rettore ha incontrato il professor Angelo Vescovi per raccogliere informazioni sulla vicenda Feto in Frigorifero e istruire l’indagine interna. Vescovi ha dichiarato: «Mai fatto ricerche su tessuti fetali in Bicocca».

«Faremo chiarezza fino in fondo su questa vicenda, prima di tutto perché è nell’interesse dell’Università», così il rettore Marcello Fontanesi a conclusione di un incontro avuto questa mattina con il professor Angelo Vescovi e la sua equipe di ricerca.

«Faremo una nostra commissione di indagine interna per capire esattamente che cosa è successo. Il primo passo, infatti, è stato quello di chiedere questa mattina stessa alle persone coinvolte nel ritrovamento del feto di fare una relazione scritta su come si sono svolti i fatti. Al tempo stesso – ha concluso il rettore – agiremo in modo da non interferire con le indagini che stanno conducendo gli investigatori e la magistratura. Abbiamo anzi già espresso la nostra massima disponibilità a collaborare per far luce sulla vicenda».

Lo stesso Angelo Vescovi, che è professore associato di Biologia applicata presso il dipartimento di Biotecnologie e Bioscienze dell’Ateneo ha ribadito al rettore che il suo gruppo non ha mai svolto in Bicocca ricerche che comportassero l’utilizzo di tessuto fetale, chiarendo che «la ricerca che svolgiamo è esclusivamente su cellule in coltura. L’eventuale utilizzo di frammenti di tessuto riguarda esclusivamente il tessuto tumorale adulto».

«Per la ricerca e la terapia scientifica è impossibile utilizzare feti interi – ha precisato Vescovi – ed eventuali frammenti possono essere impiegati solamente previa autorizzazione dei Comitati Etici delle strutture coinvolte. Insomma, il reperto cosi come è stato ritrovato, ovvero congelato a -80 C°, lo rende completamente inutilizzabile a fini scientifici, perché la temperatura cosi bassa applicata a un corpo intero distrugge completamente le cellule e la anatomia dei tessuti stessi».

In Italia la sperimentazione sui tessuti fetali è moralmente ammissibile, secondo il parere espresso dal Comitato Nazionale di Bioetica, «purché i genitori diano il loro consenso libero e informato e sia accertata l’indipendenza tra il personale medico e il personale che pratica la sperimentazione e sia stato acquisito il parere positivo di un comitato etico indipendente».

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy