• Google+
  • Commenta
7 marzo 2013

Traccia neurale del pensiero – Ricerca di UniPi sulla misura della traccia neurale del pensiero

Università di Pisa

Traccia neurale del pensiero

Un lavoro pubblicato oggi sulla prestigiosa rivista scientifica Plos ONE dimostra che la rappresentazione mentale di un’azione compiuta da altri è sottesa dallo stesso codice neurale sia in individui vedenti sia in non-vedenti dalla nascita.

Ricercatori dell’Università di Pisa, Pavia e Ferrara guidati dal professor Pietro Pietrini, direttore dell’Unità operativa di Psicologia clinica dell’Azienda ospedaliero-universitaria pisana, hanno utilizzato la risonanza magnetica cerebrale funzionale (fMRI) per misurare il pattern di risposta nel cervello di un gruppo di individui ai quali venivano mostrati, alternativamente, filmati di azioni compiute da altri, quali il piantare un chiodo o il bussare alla porta, oppure di scene ambientali (il cadere della pioggia o il soffiare del vento). I ricercatori si sono poi chiesti se fosse possibile, partendo dall’analisi della risposta cerebrale, arrivare a capire cosa l’individuo stesse guardando in quel momento.

«Partendo dall’analisi multivariata dei diversi pattern di risposta neuronale della corteccia cerebrale – spiega Emiliano Ricciardi, uno degli scienziati pisani del team di ricerca – il computer ha messo a punto un ‘classificatore’ capace di discriminare con accuratezza se una persona stesse guardando un’azione o una scena ambientale. Più semplicemente, il computer è riuscito a leggere il pensiero, o meglio, il codice neurale del pensiero». Ma i ricercatori sono andati oltre. Si sono chiesti se il classificatore ‘visivo’ fosse capace di riconoscere la risposta cerebrale legata alla percezione uditiva di un’azione, quale il sentir bussare alla porta, rispetto ad un suono ambientale quale il cadere della pioggia in individui privi della vista fin dalla nascita e che, pertanto, non avevano alcuna esperienza ‘visiva’ di azioni o scene.

Come speravano circa la traccia neurale del pensiero, il classificatore è stato in grado di predire con buona accuratezza se un individuo, cieco dalla nascita, stesse ascoltando suoni di azioni oppure di rumori ambientali. «Questo studio dimostra che la rappresentazione del mondo esterno, nel nostro cervello, è sottesa da un codice neurale astratto, che non dipende da una singola modalità sensoriale e che anzi si sviluppa identico anche in chi nasce privo della vista», spiega Pietrini. In altre parole, i non vedenti codificano ed elaborano la percezione uditiva di un’azione come se l’avessero ‘vista’.

«Con queste nuove metodologie di analisi dell’attività neurale in vivo – conclude Pietrinistiamo iniziando letteralmente a ‘leggere’ nella mente delle persone. La speranza – ormai non più solo fantasia – è che con la ‘lettura del pensiero’ si possa arrivare a mettere a punto sofisticate interfacce cervello-computer che permettano alle persone con gravi disabilità di comandare dispositivi con la forza della mente». (Ufficio Stampa AOUP)

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy