• Google+
  • Commenta
15 aprile 2013

Scienze della Comunicazione Insubria: nuova offerta formativa in ambito giornalistico

Università degli Studi INSUBRIA Varese-Como – Il corso di laurea in Scienze della Comunicazione Insubria, afferente al Dipartimento di Scienze Teoriche ed Applicate, a partire dal secondo semestre dell’anno accademico attualmente in fase di realizzazione, ha incrementato in modo significativo la presenza, nel proprio corpo docente, di giornalisti professionisti e di esperti del mondo della comunicazione ed editoriale, che cureranno direttamente alcuni importanti e strategici laboratori di attività didattica integrativa.

Tra questi numerosi e innovativi laboratori si segnalano per il corso in Scienze della Comunicazione Insubria, in particolare: Laboratorio di giornalismo televisivo, a cura diAntonio Franzi; Laboratorio per la preparazione di un libro-inchiesta di Pierluigi Altea; Laboratorio di Organizzazione degli Uffici Stampa di Franz Foti;Laboratorio di giornalismo digitale: nuovi strumenti di comunicazione dal web 2.0 ai social network di Marco Giovannelli;Laboratorio di analisi televisiva di Luca Amabile Stifano;Laboratorio di Teorie e tecniche del linguaggio giornalistico di Gianni Spartà;Laboratorio di Costruzione del Telegiornale di Matteo Inzaghi; Laboratorio di ideazione audiovisivi e web format di Fabrizio Luisi Storia dell’editoria di Cristina Siciliano.

Con questa significativa e progressiva dilatazione dell’offerta formativa per il corso di laurea in Scienze della Comunicazione Insubria nell’ambito specificatamente giornalistico e comunicazionale, il corso di laurea in Scienze della Comunicazione Insubria intende rafforzare, in modo alquanto significativo, l’obiettivo di poter conseguire il riconoscimento del corso di laurea magistrale in Scienze della Comunicazione Insubria valido per sostenere l’esame di stato per l’esercizio della professione di giornalista, sulla base di quanto espressamente riconosciuto dal comma 5 dell’art. 3 del Decreto legge 138/2011.

Come sottolinea il presidente del corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Insubria, il professor Fabio Minazzi, «il corso di laurea in Scienze della comunicazione dell’ateneo insubrico è assai innovativo ed unico nel panorama universitario italiano attuale, non solo per la sua impostazione interdisciplinare che consente il dialogo tra le culture scientifico-tecnologica e umanistico-comunicazionale, ma proprio perché prevede ed attua una stretta e sempre più proficua collaborazione diretta con differenti organi di stampa e anche con varie realtà della comunicazione e dell’informazione della provincia, riuscendo così ad integrare, in modo davvero significativo, la necessaria e doverosa preparazione culturale a sfondo umanistico (sulla base dello studio della filosofia, della letteratura, della storia, della linguistica, dell’epistemologia, etc., etc.), con una formazione tecnica e professionalizzante la quale ultima viene conseguita proprio grazie all’apporto di alcuni professionisti della televisione, dei giornali e degli organi di stampa del nostro bacino d’utenza». Non solo: Minazzi sottolinea anche come a partire da quest’anno alcune significative realtà redazionali della provincia si apriranno alla collaborazione diretta con il corso di laurea in Scienze della Comunicazione Insubria, consentendo in tal modo agli studenti, in gruppi appositamente selezionati e seguiti dagli stessi giornalisti e anche dai docenti, di imparare a “confezionare” un prodotto giornalistico, partecipando direttamente alla sua realizzazione effettiva.

Nel quadro di questo specifico ed innovativo progetto del corso di laurea in Scienze della comunicazione Insubria è allora da augurarsi che entro un tempo davvero ragionevole – di medio periodo – come sottolinea, con forza, il giornalista Franz Foti (che da anni insegna proprio all’Insubria), «sia anche possibile conseguire un doveroso riconoscimento ufficiale da parte dell’Ordine dei Giornalisti sul valore effettivamente professionalizzante di questo corso di laurea in Scienze e Tecniche della Comunicazione, onde consentire ai giovani laureati dell’Insubria di poter accedere all’esame per poi diventare giornalisti professionisti. In tal modo l’accesso alla professione giornalistica sarà reso aperto e socialmente fruibile anche da parte di rilevanti settori della società civile, che fino ad ora ne sono stati sistematicamente esclusi».

Da questo punto di vista Minazzi sottolinea anche come lo sforzo posto in essere dal corso di laurea in  Scienze della Comunicazione Insubria rappresenti una novità di sicuro interesse nazionale, proprio perché questa realtà universitaria sta cercando di costruire una nuova strada istituzionale effettivamente praticabile onde rendere più aperta ed accessibile una professione come quella del giornalismo. Una professione invero assai preziosa per ogni società civile aperta e democratica che, sempre più, si configura come una frontiera civilmente ineludibile per le stesse nostre società contemporanee, per le quali la comunicazione – in qualunque ambito di attività, da quello scientifico a quello industriale, da quello sociale a quello pubblico, da quello privato a quello della ricerca più specialistica, da quello politico a quello sportivo, etc., costituisce un momento di dialogo e, appunto, di comunicazione con l’intera società. Il che costituisce un discrimine strategico che nessuno può più permettersi il lusso di trascurare. E non può farlo proprio perché le società aperte e plurali vivono di un dibattito e di uno scambio di informazioni sempre più ampio, intenso ed articolato.  

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy