• Google+
  • Commenta
20 Giugno 2013

Tumore al Fegato. Finanziata ricerca per vaccino tumore al fegato all’Insubria

Università degli Studi INSUBRIA Varese-Como – Finanziato dall’unione europea un progetto di ricerca per il vaccino del tumore al fegato

Il progetto  vaccino tumore al fegato – che vede coinvolti nove partner a livello europeo – è stato finanziato complessivamente con sei milioni di euro ed è stato scelto tra oltre cento progetti

L’Università degli studi dell’Insubria ha ottenuto un finanziamento europeo di 410mila euro per un progetto di ricerca relativo alla messa a punto di vaccini innovativi contro i tumori e in particolare contro il tumore al fegato.

Il finanziamento per il  vaccino tumore al fegato è stato ottenuto dal professor Roberto Accolla, ordinario di Patologia Generale e Immunologia, nell’ambito del Framework Program 7 (FP7)-HEALTH-2013-INNOVATION Collaborative Project. Il progetto dal titolo: “Cancer Vaccine Development for Hepatocellular Carcinoma” (acronimo: HEPAVAC)  è coordinato dall’Istituto Nazionale Tumori di Napoli e vede la partecipazione di sette prestigiosi Centri Accademici Europei (Italia, Germania, Francia, Belgio, Gran Bretagna, Spagna) e due industrie biomediche con sede in Germania, e avrà la durata di 5 anni.

«La selezione del nostro progetto è stata particolarmente rigorosa – sottolinea il professor Accolla -. Basti pensare che su più di cento progetti presentati a livello europeo nell’ambito del Topic “Health and Innovation: Strengthening the Cancer Patient’s Immune System” soltanto  quattro hanno ricevuto l’approvazione per il finanziamento. L’ammontare complessivo del finanziamento concesso è di 6.000.000 Euro. Il nostro gruppo di ricerca che fa capo al Dipartimento di Scienze Chirurgiche e Morfologiche  sarà finanziato con complessivi 410.000 Euro e si avvarrà della preziosissima collaborazione del professor Gianlorenzo Dionigi per la parte clinica e della dottoressa Giovanna Tosi per la parte più specificamente immunologica e molecolare.

Questo riconoscimento alla nostra Università e in particolare ai ricercatori della nostra area medica dimostra che la ricerca all’Insubria è viva, competitiva e apprezzata ai più alti livelli internazionali – conclude il professor Accolla».

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy