• Google+
  • Commenta
9 luglio 2013

Unict. Scienze Politiche Unict: convegno sulle stragi alleate e tedesche in Sicilia

Università degli Studi di CATANIA Unict- Scienze politiche Unict, convegno sulle stragi alleate e tedesche in Sicilia nel 1943, tra ricerca storica e procedimenti giudiziari

Venerdì 12 luglio alle 17, nell’aula magna del dipartimento di Scienze politiche e sociali Unict (via Vittorio Emanuele 49), si terrà un convegno dal titolo “Sicilia 1943. Stragi alleate e tedesche nell’isola. Ricerca storica e procedimenti giudiziari”, organizzato nell’ambito del corso di laurea in Storia e Cultura dei Paesi mediterranei.

Dopo gli indirizzi di saluto del rettore Giacomo Pignataro e del direttore del dipartimento Unict Giuseppe Vecchio, interverranno il sottosegretario al Ministero di Grazia e Giustizia Giuseppe Berretta e il prof. Rosario Mangiameli, ordinario di Storia Contemporanea. I lavori saranno presieduti dallo storico Giuseppe Barone.

L’incontro intende indagare su un aspetto cruciale della occupazione/liberazione della Sicilia nel 1943: quello relativo alle stragi compiute dagli eserciti statunitense e tedesco nel corso della battaglia. Per quanto riguarda le stragi americane, si tratta di un aspetto emerso pochi anni fa, anche grazie al lavoro di ricerca compiuto nella facoltà di Scienze politiche etnea; le stragi tedesche sono invece note dalla fine della guerra.

La lettura comparata di questi avvenimenti consente di rileggere sotto una nuova luce le diverse fasi di un momento cruciale della Seconda guerra mondiale e del coinvolgimento del nostro Paese in essa; mette in evidenza il ruolo dei civili, falsifica certi paradigmi eroici che ancora oggi vengono riproposti acriticamente.

La partecipazione del sottosegretario al Ministero di Grazia Giustizia assicura, inoltre, un’interlocuzione importante alla ricerca. Per lungo tempo la realtà delle stragi americane è rimasta sconosciuta; solo da pochi anni la giustizia italiana ha potuto avviare procedimenti in merito ad esse. Allo stesso modo, anche se la memoria locale tramandava la realtà delle stragi tedesche, una congiura del silenzio (il cosiddetto “armadio delle vergogne”) ha impedito che fossero conosciute in tutta la loro efferatezza. La presenza al convegno Unict di un esponente dell’esecutivo assume pertanto un valore simbolico e pratico di trasparenza e pubblicità della documentazione in possesso delle istituzioni, un impegno a perseguire lo stragismo in qualsiasi tempo e in qualsiasi forma esso si presenti.

Alla giornata Unict parteciperanno inoltre monsignor Antonino Raspanti, vescovo di Acireale, in ricordo dell’uccisione del frate Arcangelo dell’Eremo di Valverde, e i sindaci dei comuni di Castiglione di Sicilia, Mascalucia, Nicolosi, Paternò, Pedara, Randazzo e Valverde, le cui popolazioni furono colpite da bombardamenti e dalle stragi.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy