• Google+
  • Commenta
17 luglio 2013

Unipi. CicloPi: Il Bike Sharing dell’Unipi

Laureati Unipi
Unipi

Unipi

Università degli Studi di PISA – Quattro studenti di ingegneria gestionale al lavoro per CicloPi, il bike-sharing Unipi

Dalla collaborazione con Pisamo una tesi di laurea che è stata discussa il 17 luglio

Oltre settemila questionari on line per conoscere le esigenze dei potenziali utenti, uno studio di fattibilità tecnica ed economica più le linee guida per gestire il servizio.

Per un anno quattro studenti di ingegneria gestionale Unipi hanno collaborato con Pisamo alla realizzazione di CicloPi, il servizio di bike sharing cittadino inaugurato a maggio. Un’esperienza che è diventata una tesi di laurea che Simone Topazzini, Chiara Niccolai, Eleonora Zanzi e Luisa Gianfrotta hanno discusso il 17 luglio nell’aula magna di ingegneria alla presenza del sindaco di Pisa Marco Filippeschi, del prorettore agli studenti Rosalba Tognetti e dell’assessore alla mobilità del Comune David Gay. Dopo i discorsi e i saluti delle autorità presenti che hanno auspicato future collaborazioni fra l’Ateneo Unipi e il Comune, il voto di laurea:  Luisa Gianfrotta ha preso 110/100 e lode, Simone Topazzini 105/110, Chiara Niccolai 110/110 e lode e Eleonora Zanzi 110/110.

Dunque una storia a lieto fine, cominciata circa un anno fa, nel marzo del 2012, quando i quattro studenti di Unipi, per superare l’esame del dell’ingegner Gionata Carmignani, hanno ricevuto l’incarico di realizzare un progetto di gestione aziendale di un servizio di bike-sharing. Caso volle che l’architetto Marco Bertini dell’ufficio Biciclette di Pisamo fosse giusto in quel periodo alle prese con l’idea di sviluppare qualcosa di simile per Pisa. Dal primo incontro ne sono quindi seguiti altri e il progetto si è ampliato fino a diventare la tesi di laurea dei quattro ragazzi.

Il ruolo dei quattro studenti Unipi – ha spiegato l’ingegner Carmignani – è stato quello di proporre idee, strumenti e metodi per guidare il processo progettuale del servizio. Fra l’altro il loro contributo ha permesso a Pisamo di redigere il bando di gara per la gestione del servizio”.

I risultati ottenuti – ha aggiunto Carmignani – sono stati ottimi e l’esperienza ha permesso soprattutto di ottenere un grande risultato: per i ragazzi l’opportunità di applicare concretamente i loro studi, per l’amministrazione comunale di sperimentare metodi innovativi di progettazione dei servizi che potranno essere utili nel futuro e infine, per l’Università Unipi, di compiere una delle sue missioni fondamentali, cioè trasferire competenze, metodi e buone pratiche alla comunità in cui opera. Il tutto naturalmente a titolo assolutamente gratuito.

Sfruttando il caso bike-sharing Unipi – ha concluso Carmignani – la tesi propone un modello di progettazione e sviluppo dei servizi pubblici e privati. E’ infatti importantissimo avere un approccio ‘progettuale’ in modo da avere meno problemi all’atto dell’erogazione del servizio. Il ruolo dell’ingegnere gestionale è proprio questo: fornire strumenti utili per pensare bene prima ciò che si vuol realizzare dopo, che si tratti di prodotti o, a maggior ragione, di servizi.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy