• Google+
  • Commenta
19 settembre 2013

Unibz. Convegno by design or by disaster di Unibz

Libera Università di BOLZANO – By design or by disaster a Unibz

Unibz

Unibz

I temi legati allo sviluppo sostenibile ed il design si incontrano nel convegno By design or by disaster di Unibz, interdisciplinare ed orientato alla pratica. Organizzato dalla Facoltà di Design e Arti Unibz, il convegno Unibz si svolge dal 26 al 28 settembre

La conferenza Unibz parte dal presupposto che il design è dappertutto ed ha a che fare con ogni ambito della nostra vita. La sostenibilità è di conseguenza una sfida globale e richiede cambiamenti in molti settori della vita e dell’economia. Di conseguenza il design può e deve essere usato per avvicinarsi maggiormente alla sostenibilità.

Innanzitutto è necessario che i designer intendano il loro lavoro come collegato agli aspetti sociali, ecologici ed economici, e siano quindi pronti a collaborare con specialisti di altri settori, con i cittadini, i produttori ed i consumatori”, spiega il prof. Kris Krois, organizzatore del convegno Unibz. “Dall’altra parte – continua – è necessario che chi si occupa di sviluppo sostenibile in altri ambiti conosca ed utilizzi le potenzialità del design”.

In questa prima edizione di “By Design or by Disaster” l’accento è posto  sullo sviluppo del bene comune a livello regionale. Nei workshop troveranno spazio iniziative locali di giovani designer (con Brave New Alps & Adam und Epfl, Cecilia Palmer & L’orto della Semirurali). Sono invitate a partecipare tutte le persone interessate ad un lavoro pratico e condiviso, quindi non solo designer.

I workshops si svolgono il 27 e 28 settembre. Giovedì 26 settembre una serie di relazioni di ospiti provenienti dal mondo del sociale, dell’ecologia e del design, aprirà il convegno. Tra i relatori ci sono: Paolo CiuccarellSusanne ElsenStefan ZerbeGregoire WallenbornUrsula TischnerOpenstateSusana Soares.

Il convegno Unibz si conclude sabato alle ore 18 con una discussione partecipata sui temi emersi durante il convegno e sull’esperienza fatta nei workshop. Di seguito comincerà la festa: un cuoco preparerà diversi pietanze utilizzando i migliori ingredienti da agricoltura biodinamica della regione.

Google+
© Riproduzione Riservata