• Google+
  • Commenta
10 settembre 2013

Unipi. Classifica Università Tecnologiche: Unipi al 259° posto in QS World

Università degli Studi di PISA – Unipi scala 55 posizioni nel QS World University Rankings

Ricercatori Unipi

Ricercatori Unipi

L’Ateneo Unipi si colloca al 259° posto, risultando quinto in Italia dopo Bologna, la Sapienza di Roma, il Politecnico di Milano e Milano

Ancora un’ottima performance dell’Ateneo Unipi nei ranking internazionali delle università: nella classifica mondiale compilata dall’Agenzia QS, trai 26 atenei italiani presenti nella Top 400, Pisa risulta quinta dopo Bologna, la Sapienza di Roma, il Politecnico di Milano e l’Università degli Studi di Milano. Su base mondiale, nel 2013 Unipi guadagna ben 55 posizioni in classifica rispetto al 2012 e raggiungendo la 259° posto, risultando l’ateneo italiano che è maggiormente progredito.

Il QS World University Rankings dal 2004 valuta i migliori atenei del mondo basandosi su qualità della ricerca, indici di occupabilità dei laureati, numero di citazioni e impegno a favore dell’internazionalizzazione. La classifica rende conto anche delle varie aree disciplinari: quest’anno Unipi risulta 131° nelle Scienze Naturali, 156° nelle “Arts and Humanities”, 232° nelle Life Sciences e Medicina e 247° in Ingegneria e Tecnologia.

Tra i rankings compilati dall’Agenzia QS, alcuni mesi fa erano stati pubblicati anche quelli per singola disciplina, dove Unipi era prima in Italia e 42° nel mondo in “Fisica e Astronomia”. Inoltre si piazzava tra il 100° e 150° posto al mondo in Lingue moderne, Storia, Computer Science e Matematica e tra la 150° e la 200° posizione nei settori della Chimica, dell’Ingegneria meccanica, dell’Ingegneria elettrica, della Medicina, della Farmacia, della Giurisprudenza e della Statistica.

Unipi si conferma dunque ai vertici tra gli atenei italiani, che nel 2013 registrano complessivamente un trend di crescita positivo a livello mondiale. Ben Sowter, direttore della QS Intelligence Unit, ha commentato: «Nonostante la crisi economica, l’Italia è un Paese dove esistono eccellenze straordinarie nell’ambito dell’insegnamento e della ricerca universitaria. Per essere fortemente competitiva l’Italia deve dotarsi di un ‘sistema paese’ che sostenga la genialità e il talento, incrementi e razionalizzi gli investimenti nella ricerca. Il capitale umano – ha concluso Sowter – è la vera ricchezza del Paese, che sta perdendo una generazione di ricercatori per la scarsità delle risorse e la precarietà dei percorsi di carriera».

Proprio per affrontare in maniera sistematica le questioni che limitano le potenzialità del sistema universitario italiano, nelle scorse settimane il rettore Unipi Massimo Augello ha lanciato la proposta della convocazione degli Stati generali dell’Università, un momento di confronto e riflessione per porre con forza questo tema all’attenzione dell’opinione pubblica e per chiedere che esso diventi con urgenza grande “questione nazionale”.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy