• Google+
  • Commenta
30 settembre 2013

Università di Ferrara. Castelli e Seragnoli presentano il libro di Max Seidel

Università di FERRARA – La Prof.ssa Patrizia Castelli e il Prof. Daniele Seragnoli dell’Università di Ferrara presentano il libro di Max Seidel ‘Padre e Figlio. Nicola e Giovanni Pisano’

Unife

Unife

‘Padre e Figlio. Nicola e Giovanni Pisano’. E’ questo il titolo del libro di Max Seidel, (Venezia, Marsilio, 2012), che sarà presentato mercoledì 2 ottobre alle ore 17 nella Sala Agnelli della Biblioteca Comunale Ariostea, (via Scienze, 17).

L’iniziativa, organizzata in collaborazione con il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Ferrara, sarà introdotta e coordinata da Patrizia Castelli, Professore associato del Dipartimento di Studi Umanistici di Unife, con l’intervento di Daniele Seragnoli, Delegato del Rettore alle Politiche Culturali dell’Università di Ferrara.

Il testo prende in esame lo sviluppo dell’attività dei due più prestigiosi scultori vissuti in Italia tra la metà del XIII e il secondo decennio del XIV secolo. Titolo e struttura del libro sono, come avverte l’autore, il risultato di molti anni di studi durante i quali questi ha saputo fondere magistralmente ricerche stilistiche, iconografiche, di storia della cultura e della politica, evitando un’interpretazione unilaterale dell’opera dei due artisti, il cui stringente rapporto emerge in ogni capitolo. Seidel ha proposto una tesi innovativa del rapporto tra padre e figlio, individuando come tra i due artisti ci sia una soluzione di continuità. Mette così in evidenza “l’incontro tra un padre e un figlio parimenti geniali”. Questa centrale questione è sviluppata a partire dall’analisi del pulpito del duomo di Siena, ove si è affermato lo stile di Giovanni e dove questi ha iniziato a dialogare con l’arte del padre. Seidel è riuscito a inserire la questione dello stile all’interno della storia sociale, mettendo in evidenza lo «stile iconografico» di Nicola Pisano, che definisce con il concetto di «microiconografia». Una metodologia questa che fonde in modo innovativo la ricerca iconografica e stilistica. Il secondo volume, che accompagna il testo, permette, con la copiosa e bella documentazione fotografica, di seguire anche al lettore non specialista, le osservazioni dello storico. Il libro di Seidel si legge così anche attraverso l’eloquente narrazione basata solo sulle immagini.

Max Seidel si dedica soprattutto allo studio dell’arte italiana del Medioevo, del Rinascimento e del XIX secolo. Ha insegnato Storia dell’Arte alle Università di Zurigo, Göttingen e Heidelberg. Dal 1993 al 2005 ha diretto il Kunsthistoriches Institut a Firenze.

 

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy