• Google+
  • Commenta
7 ottobre 2013

Unipi. Debutto in mare riuscito per Cherubina lo skiff dell’Unipi

Università di PISA – Debutto in mare riuscito per “Cherubina”, lo skiff dell’Unipi

Barca a Vela Unipi

Barca a Vela Unipi

La barca a vela progettata e costruita dagli studenti ha debuttato al Trofeo “2001 Velacup”la competizione tra atenei nel Golfo di La Spezia

Debutto in mare riuscito per Cherubina, il team vela dell’Unipi appena reduce dal Trofeo “2001 Velacup”, l’iniziativa che da ormai sei anni promuove regate tra università con imbarcazioni a vela interamente progettate e costruite dagli studenti.

Nelle tre giornate di sfide, gli equipaggi si sono misurati in diverse regate nel golfo di La Spezia, nello specchio di mare antistante la Festa della Marineria e, nonostante fosse alla sua prima esperienza, al cospetto di atenei ormai con alle spalle pluriennali partecipazioni, il team Unipi, con la sua Cherubina, è riuscito a portare in mare uno skiff con vela alare.

Dal punto di vista progettuale si è trattato senza dubbio dell’elemento più innovativo presente sulle undici imbarcazioni in gara in questa edizione, che ha attirato la curiosità e riscuotendo l’apprezzamento di tutti gli addetti ai lavori. L’ottavo posto ottenuto sul campo di regata ha lasciato tutti soddisfatti, viste anche le condizioni meteo non ideali per un’imbarcazione di questo tipo (assenza quasi completa di vento per l’intera durata della manifestazione): il progetto ha senza dubbio grandi margini di sviluppo e perfezionamento che potranno essere messi in pratica pensando alle prossime edizioni.

Il team Cherubina Unipi è composto da Dario Masoni, responsabile del progetto, coadiuvato da Lorenzo Sassetti, Raffaele Boccara, Francesco Distefano, Paolo Biagioni, Matteo Lelli, Alessandro Bordigoni. Elementi fondamentali per la messa a punto dell’imbarcazione sono stati il timoniere di Cherubina, Olmo Cerri e il prodiere, Andrea Rosi. Gli studenti hanno lavorato al progetto e alla costruzione dell’imbarcazione per oltre un anno con l’appoggio di alcuni docenti – i ragazzi ringraziano in particolare i professori Vincenzo Ambriola, Giovanni Lombardi, Roberto Barale, Rosalba Tognetti – ed esperti del mondo della vela e il sostegno economico di due importanti aziende pisane.

Google+
© Riproduzione Riservata