• Google+
  • Commenta
17 ottobre 2013

Università di Ferrara. Tumori umani e virus oncogeni Polioma

Università di FERRARA – Tumori umani e virus oncogeni Polioma nella ricerca dell’Università di Ferrara

Tumori

Tumori

Prestigioso riconoscimento per Mauro Tognon, Ordinario di Biologia e Genetica del Dipartimento di Morfologia, Chirurgia e Medicina Sperimentale dell’Università di Ferrara, nell’ambito del suo incarico di componente e specialista del Comitato della Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), chiamato a redigere la monografia n.104 dello IARC (Agency for Research on Cancer), l’Agenzia Internazionale di OMS che si occupa di cancro, recentemente pubblicata dalla rivista scientifica Lancet Oncology.

“La monografia – spiega Tognon dell’Università di Ferrara – si occupa degli studi eseguiti su scala planetaria di associazione tra virus Polioma oncogeni e delle cellule di Merkel e tumori umani. Nel corso del mio incarico all’interno del comitato di OMS, ho avuto modo di fare il punto sull’associazione tra virus Polioma e i tumori umani di diverso tipo, descrivendo lo stato dell’arte, dopo aver preso in considerazione tutti i lavori scientifici dal 1960 ad  oggi”.

“Studio tumori umani associati ai virus oncogeni Polioma dall’inizio degli anni ’90 – continua Tognon dell’Università di Ferrarae ancora proseguo, tra le altre, questa ricerca. Lo stato attuale delle conoscenze  ci dicono che il virus Polioma è fortemente associato all’insorgenza del carcinoma delle cellule di Merkel (detto merkeloma), un raro tumore della pelle di origine neuro-endocrina, perchè il DNA di questo virus è integrato nel genoma della cellula tumorale nell’80% dei casi. Le evidenze sono forti anche per gli aspetti immunologici.”

“E’ probabileconclude Tognon dell’Università di Ferrara – che facendo una adeguata terapia antivirale o con specifici vaccini si possa, eliminando il virus oncogeno, inibire lo sviluppo del tumore. Casi positivi simili si sono visti con la vaccinazione contro il virus dell’epatite B e il conseguente crollo dell’insorgenza dell’epatoma primario o tumore al fegato. Analogamente, è attualmente in corso la vaccinazione contro i virus papilloma (HPV) oncogeni nelle adolescenti per prevenire l’insorgenza del tumore all’utero, o della cervice uterina, fortemente associato alle infezioni da HPV oncogeni che si contraggono con i rapporti sessuali”.

Google+
© Riproduzione Riservata