• Google+
  • Commenta
1 ottobre 2013

Università La Sapienza sull’origine delle emissioni di gas a Fiumicino

Università degli Studi di ROMA La Sapienza – Il 24 agosto scorso è avvenuta una improvvisa eruzione di gas nell’area del delta del Tevere, in prossimità dell’aeroporto internazionale di Fiumicino.

Ricerca

Ricerca

Nei giorni scorsi, abbiamo sentito parlare di geyser, di vulcani di fango o, addirittura, di un nuovo vulcano a Fiumicino.

Questo tipo di emissioni, caratterizzate da una temperatura prossima ai 20°C e composte prevalentemente di anidride carbonica, sono in realtà delle mofete e sono riconducibili, per la loro composizione, ai gas geotermici rilasciati nelle aree vulcaniche circostanti (Colli Albani e Monti Sabatini).

La composizione ed il grande volume di gas emessi fanno pensare ad una origine molto profonda (mantello?) e non ricollegabile, come si sarebbe potuto pensare a seguito della localizzazione in un’area alluvionale, all’emissione di biogas superficiali.

Questo tipo di emissioni possono avvenire, in aree anche distanti dagli edifici vulcanici, grazie alla presenza di sistemi profondi di faglie e fratture che permettono ai gas di risalire fino alla superficie, e la rimozione dei terreni superficiali, a seguito di scavi o perforazioni, ne può favorire la fuoriuscita improvvisa. L’eruzione avvenuta a Fiumicino solleva il problema della potenziale pericolosità di questi gas endogeni che si accumulano in maniera cospicua nei sedimenti del delta del Tevere, dove sono temporaneamente “sigillati” dagli orizzonti argillosi impermeabili.

Operazioni di perforazione, interrompendo la copertura impermeabile e permettendo così al gas in pressione di raggiungere la superficie, possono innescare violente ed improvvise emissioni, come quella osservata. Perforazioni future e scavi nel delta del Tevere dovrebbero pertanto essere basate su una conoscenza precisa della distribuzione di gas endogeni nel substrato geologico.

Un team internazionale, composto da ricercatori italiani de La Sapienza, Università di Roma, in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia “INGV” e americani Indiana University, presso Bloomington, sta effettuando studi di dettaglio sull’origine di queste manifestazioni gassose.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy