• Google+
  • Commenta
4 novembre 2013

Finanziamenti iniziative culturali degli studenti dell’Unipi

Bando fondi per finanziamenti iniziative culturali Università degli Studi di Pisa: digitalizziamo? 

L’Università degli Studi di Pisa mette ogni anno a disposizione degli studenti un ingente somma di denaro, ben oltre 100.000 euro, per l’organizzazione ed il cofinanziamento delle varie attività studentesche; questa è un’occasione importante per valorizzare le inclinazioni di molti studenti ed agevolare il protagonismo studentesco in ogni ambito: dagli eventi sportivi alle rassegne teatrali – come lista abbiamo portato a Pisa molti dei migliori comici italiani: Giacobazzi, Pino e gli anticorpi, Paolo Cevoli, Migone – dichiara Studenti-Lista Aperta dell’Università degli Studi di Pisa – da conferenze che approfondiscono temi di studio – celebri quelle da noi realizzate con Marcello Lippi, ct della nazionale subito dopo la vittoria del mondiale, o con Angelo Zomegnan, patron del giro d’Italia, o ancora con Davide Giacolone, importante editorialista, con l’astronauta Paolo Nespoli, a concerti come quello organizzato per noi ad Halloween con alcune band emergenti e Chiara Robiony, dj di m2o, – – dichiara Studenti-Lista Aperta dell’Università degli Studi di Pisa – dai cineforum all’organizzazione di mostre.

Per accedere ai fondi dell’Università degli Studi di PISA le associazioni accreditate devono presentare un certo numero di firme, che varia dalle 40 alle 100 in base alla tipologia di iniziativa, come sottoscrizione di sostegno alla documentazione cartacea allegata all’iniziativa stessa.

Nel Consiglio degli Studenti del 25 ottobre, l’amministrazione dell’Università degli Studi di Pisa ha proposto, la raccolta delle firme, per i bandi attività attraverso il canale telematico (cioè tramite internet). Durante la discussione della proposta, i membri del gruppo consiliare “Sinistra Per” hanno difeso la raccolta cartacea, conducendo l’intervento per quasi 2 ore e proponendo scusanti banali (invece di serie motivazioni),  nonostante avessero già deciso sul da farsi nell’”assemblea del loro collettivo”…

“Sempre sul bando attività e come da noi auspicato lo scorso anno, è stato anche richiesto di inserire una nota riguardo la conformità delle attività al codice etico di Ateneo, in seguito a fatti spiacevoli e dai connotati razzisti accaduti durante l’evento “Mc Cavallo” (l’Università è comunque intervenuta a sanzionare l’accaduto). La mozione per il codice etico è stata accolta all’unanimità.” – dichiara Studenti-Lista Aperta dell’Università degli Studi di Pisa –

Finanziamenti iniziative culturali e vantaggi perduti della raccolta online all’Unipi

  • mancato taglio di sprechi: eliminando la raccolta cartacea, avremmo avuto un risparmio della carta (ricordiamo il “decreto taglia-carta”), l’eliminazione delle “firme doppie” e in più avremmo risparmiato il lungo lavoro di conteggio delle firme.
  • vantaggio legale: un altro aspetto che si conosce poco è che le firme devono essere autenticate attraverso i dati delle carte d’identità, pena la loro decadenza. Un problema che verrebbe meno con la raccolta “online”.
  • vantaggio di un minore lavoro di burocrazia: la raccolta online, per quanto semplice, avrebbe aiutato a “sburocratizzare” il nostro Ateneo, dunque a rendere meno gravoso il lavoro delle segreterie.

“Per risolvere questo problema democraticamente, noi di Ateneo Studenti, abbiamo proposto una commissione regolamento aperta a tutti i presidenti delle varie associazioni che ottengono il finanziamento tramite i bandi dell’Università di Pisa, nel tentativo di rendere funzionale allo scopo lo strumento della raccolta digitale. Si sarebbe evitato così il rischio di non riuscire a prendere sufficienti firme per ottenere i finanziamenti per le attività studentesche. Anche perché noi, sarebbe bene precisare, crediamo nell’intelligenza dei nostri colleghi ed amici che saranno bene in grado di scegliere ed informarsi anche senza che venga loro sbattuto un foglio sotto il naso con una penna stappata, nella pretesa di una firma.”– dichiara Studenti-Lista Aperta dell’Università degli Studi di Pisa –

“E’ chiaro che, se ognuno continua a rimanere attaccato al proprio orticello e a difendere arroccato ed impaurito il proprio status quo da ogni innovazione, potremmo condurre tanti discorsi ma alla fine ricadremmo sempre nel vecchio, nel saputo e nel già detto. “ – continua Studenti-Lista Aperta dell’Università degli Studi di Pisa –

“La capacità di crescere e di cambiare passa da qui: da un atteggiamento del cuore di ciascuno e da una mossa costante della libertà!” – conclude Studenti-Lista Aperta dell’Università degli Studi di Pisa –

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy