• Google+
  • Commenta
17 dicembre 2013

Due studenti dell’Università di Pisa a Denver per il World Challenge Bowl

Laureati Università di Pisa

Università degli Studi di PISA – Due studenti dell’Università di Pisa voleranno a Denver per il World Challenge Bowl

Laureati Università di Pisa

Studenti Università di Pisa

Sono gli unici italiani i due studenti dell’Università di Pisa a partecipare alla grande sfida a quiz tra studenti di Geofisica applicata di tutto il mondo.

Un altro successo per gli studenti del corso di laurea magistrale in Geofisica di Esplorazione ed Applicata gestito dai Dipartimenti di Scienze della Terra e di Fisica dell’Università di Pisa.

Nell’ottobre del 2014 Giuseppe Provenzano e Paolo Paradisi, studenti dell’Università di Pisa, voleranno a Denver, negli Stati Uniti, per partecipare World Challenge Bowl, la grande sfida a quiz tra studenti di Geofisica applicata di tutto il mondo organizzata dalla Society of Exploration Geophysicists (SEG) che si svolge ogni anno in occasione del convegno internazionale dell’organizzazione. Giuseppe e Paolo hanno superato le selezioni italiane che si sono svolte a Trieste lo scorso novembre durante il convegno del Gruppo Nazionale di Geofisica della Terra Solida. Quest’anno le squadre in gara erano sei: due provenienti da Pisa, due da Trieste, una da Napoli e una da Torino.

“Dopo un girone eliminatorio contro una delle squadre triestine e il team di Napoli, abbiamo vinto la finale contro i Torinesi – hanno raccontato i due vincitori dell’Università di Pisa – la velocità e la strategia di gioco sono state le norme armi fondamentali”.

Paolo e Giuseppe, 25 anni a testa, il primo di Piombino, l’altro di Bagheria in provincia di Palermo, sono al secondo anno del corso di laurea magistrale in Geofisica di Esplorazione ed Applicata dell’Università di Pisa e prevedono di laurearsi entro il 2014. E intanto Paolo, prima di Denver, ha un altro viaggio ancora che lo aspetta: da marzo a luglio farà un tirocinio di quattro mesi al Dipartimento di geologia del petrolio dell’ Università di Aberdeen in Scozia.

Google+
© Riproduzione Riservata