• Google+
  • Commenta
18 dicembre 2013

Università di Modena e Reggio Emilia: lezione sull’Embolia Polmonare

Ricerca Malformazione cavernosa cerebrale

Università di MODENA e REGGIO EMILIA – Lezione alla facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Modena e Reggio Emilia dedicata all’embolia polmonare

Ricerca Università di Modena e Reggio Emilia

Ricerca Università di Modena e Reggio Emilia

Una Lezione dedicata embolia polmonare, alla sua diagnosi precoce e ai più avanzati  interventi terapeutici per curarla è la proposta che la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Modena e Reggio Emilia rivolge a tutti gli interessati per la giornata di venerdì 20 dicembre.

Per l’occasione sarà ospite dell’Università di Modena e Reggio Emilia il prof. Giancarlo Agnelli, ordinario di medicina interna all’Università di Perugia e fra i principali esperti a livello nazionale ed internazionale sul tema. L’appuntamento, aperto al pubblico sarà a Modena.

L’embolia polmonare, evento patologico con una considerevole incidenza nella popolazione – si stimano circa 100 casi all’anno su 10 mila abitanti – sarà al centro di un momento di approfondimento promosso dalla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Modena e Reggio Emilia.

L’iniziativa che si terrà venerdì 20 dicembre 2013 a partire dalle ore 12.30 presso l’Aula Magna del Centro Servizi Didattici dell’Università di Modena e Reggio Emilia (via del Pozzo, 71 – area Policlinico) a Modena sarà l’occasione, aperta a tutti gli interessati, per ascoltare la lezione “Embolia polmonare acuta: stratificazione del rischio ed implicazioni terapeutiche” del prof. Giancarlo Agnelli, ordinario di medicina interna all’Università di Perugia e figura di medico e accademico di spicco nel panorama internazionale.

A causa della sua incidenza e della difficoltà di diagnosi, l’embolia polmonare, che si presenta come una occlusione trombotica di un’arteria polmonare che può causare una insufficienza acuta potenzialmente mortale del cuore destro, è da considerarsi un rilevante problema di salute pubblica. La diagnosi precoce è fondamentale poiché le strategie terapeutiche, che utilizzano principalmente farmaci anticoagulanti, sono altamente efficaci, mentre la mortalità nei casi non trattati può raggiungere il 30 percento.

Durante la conferenza – ha sottolineato il prof. Paolo Frigio Nichelli, Presidente della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Modena e Reggio Emilia – affronteremo queste importanti tematiche in compagnia del prof. Giancarlo Agnelli, ordinario di Medicina Interna e Direttore della Scuola di Specializzazione in Medicina d’urgenza dell’Università di Perugia, che terrà una lettura dove illustrerà i diversi approcci diagnostici dell’embolia polmonare, i sistemi di stratificazione del rischio e i più moderni protocolli di trattamento, per approfondire lo stato dellarte del percorso diagnostico-terapeutico”.

A seguire il dott. Corrado Lavini del Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Materno-Infantili e dell’Adulto terrà una conferenza su “Gli Angeli: un viaggio fra fede, mito ed arte”.

L’iniziativa sarà anche l’occasione per un momento di scambio di auguri al personale da parte dell’Azienda Ospedaliero – Università di Modena e Reggio Emilia  e della Presidenza di Facoltà di Medicina e Chirurgia.

Giancarlo Agnelli: Ordinario di Medicina Interna e Direttore della Scuola di Specializzazione in Medicina d’urgenza dell’Università di Perugia è inoltre Direttore del Dipartimento di Medicina Interna e Stroke Unit dell’Azienda Universitaria Ospedaliera di Perugia. E’ autore di più di trecento pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali, le più recenti dedicate nuovi anticoagulanti orali, pubblicate sul New England Journal of Medicine. È stato membro della Conferenza su Trattamenti Antitrombotici e Trombolitici della American College of Chest Physicians (ACCP) dalla quarta all’ottava edizione. È membro del board editoriale di numerosi giornali scientifici internazionali e collabora in qualità di revisore con importanti testate internazionali, in primis  New England Journal of Medicine e Lancet.

Google+
© Riproduzione Riservata