• Google+
  • Commenta
4 febbraio 2014

L’Unime si costituisce parte civile nell’inchiesta Pacta Servanda Sun

Università degli Studi di MESSINA – La decisione del Senato Accademico e Consiglio di Amministrazione Unime

Il Senato Accademico e il Consiglio di Amministrazione dell’Unime, riunitisi rispettivamente ieri pomeriggio e stamattina, hanno chiesto, come previsto dalla procedura, il parere all’Avvocatura dello Stato per avviare la costituzione di parte civile dell’Unime nell’ambito del procedimento giudiziario legato all’inchiesta denominata “Pacta servanda sunt”.

All’inizio della seduta del Senato Accademico Unime, inoltre,  il viceprefetto Maria Antonietta Cerniglia è intervenuta, per fare il punto della situazione sull’utilizzo degli impianti sportivi di Contrada Conca d’Oro, concessi dall’Unime alla Prefettura per fronteggiare l’emergenza legata all’accoglienza dei migranti. La struttura – stando a quanto riferito dal viceprefetto – sarà presto riconsegnata all’Unime, visto che il prossimo 10 febbraio scadrà il bando per l’individuazione di un nuovo ente gestore. L’offerta dovrà includere, oltre ai servizi, anche la disponibilità di un nuovo sito in cui ospitare i migranti.

La dott.ssa Cerniglia ha voluto ringraziare l’Unime per la disponibilità dimostrata, visto che quella dell’Università è stata l’unica, concreta soluzione a cui la Prefettura ha finora potuto fare riferimento.

Infine, dopo che l’Ufficio scolastico Regionale ha concluso la contrattazione con gli Atenei Siciliani, Senato e Consiglio hanno dato il via libera all’attivazione dei corsi PAS (Percorsi abilitativi Speciali).  Adesso saranno avviate le procedure necessarie per consentire  l’iscrizione.

Google+
© Riproduzione Riservata