• Google+
  • Commenta
28 febbraio 2014

A Unife il secondo incontro di UniTown

Università degli Studi di Ferrara – UniTown: la Rete internazionale di città universitarie. Studenti, docenti e rappresentanti di città europee a Unife per la due giorni dedicata all’internazionalizzazione

Unife

Unife

Una due giorni tutta internazionale quella che si svolgerà lunedì 3 e martedì 4 marzo all’Unife.

Sta infatti per iniziare il secondo appuntamento di UniTown, la Rete internazionale di città universitarie fondata ad ottobre 2013 dall’Unife e dal Comune della nostra città per discutere e promuovere buone pratiche nel rapporto tra Comunità cittadina e Università.

“Obiettivo di Unitown – afferma Alessandro Somma, Delegato del Rettore dell’Unife per l’Internazionalizzazione – è realizzare una sempre più matura integrazione tra Città e Università nelle loro molteplici articolazioni. Un’integrazione fondata sul reciproco ascolto e sulla reciproca disponibilità ad azioni comuni originate dall’incontro tra amministrazione cittadina, società civile e politica, operatori economici, istituzioni culturali e componenti della comunità accademica, studenti in testa. Questa Rete ha ricadute di grande importanza in merito ai servizi agli studenti in mobilità internazionale, alla predisposizione di un’offerta didattica in lingua straniera e più in generale alla visibilità di Unife e delle sue articolazioni nel panorama accademico europeo”.

E proprio per consolidare la mission della giovane, ma già avviata Rete Unitown, al secondo incontro all’Unife parteciperanno rappresentanti di Università, città e associazioni studentesche provenienti da Finlandia, Germania, Grecia, Italia, Lituania, Polonia e Portogallo.

“Si discuterà – conclude Somma dell’Unife – di rappresentanza politica degli studenti nelle amministrazioni cittadine, di prevenzione e risoluzione dei conflitti tra studenti e città, di ruolo degli studenti nelle associazioni di volontariato. Tra le finalità dell’incontro anche la presentazione di un progetto in ambito europeo”.

Google+
© Riproduzione Riservata