• Google+
  • Commenta
6 febbraio 2014

Università Torino: come limitare i danni dell’uso del computer

Ricerca Università di Torino

Università di TORINO – Limitare i danni fisici dall’uso protratto del computer: Una dimostrazione all’Università Torino: il corpo sano “istruzioni per l’uso”

Ricerca Università di Torino

Ricerca Università di Torino

Venerdì 7 febbraio, dalle ore 12.00 alle 13.00, nella Main Hall del Campus Luigi Einaudi dell’Università Torino (Lungo Dora Siena, 100 – Torino) si terrà l’evento ‘Il corpo sano – istruzioni per l’uso limitare i danni fisici dall’uso protratto del computer e della console’, una dimostrazione  di ginnastica, curata dalla prof.ssa Renata Freccero docente alla SUISM.

Un gruppo di venti studenti di Scienze Motorie dell’Università Torino simulerà alcuni esercizi utili a contrastare il cosiddetto “male al collo e alla schiena” causato dall’uso protratto del computer e della console.

La proposta del gruppo di lavoro dell’Università Torino intende promuovere una trasmissione motoria di due elementi che, se conosciuti e messi in pratica, possono limitare i danni fisici, se non contrastarli in modo definitivo. Il pubblico sarà invitato a provare attivamente.

Il progetto dell’Università Torino si riconduce agli studi condotti dal prof. Benigno Bartoletti, celebre medico sportivo noto nell’ambiente dell’automobilismo italiano.

A chiusura dell’evento dell’Università Torino seguirà una performance di ginnastica ritmica curata dalla Prof.ssa Amalia Tinto e dalla ginnasta Michelle Serra, atleta di serie A della Società Ritmica Piemonte di Torino e campionessa di Ginnastica Ritmica regionale e nazionale.

Parteciperanno all’incontro dell’Università Torino Livio Berruti e Ugo Nespolo che ha realizzato l’opera “Icone Olimpiche” dedicata ai XXII Giochi Olimpici invernali SOCHI 2014 e che resterà esposta nel campus universitario dal 7 al 23 febbraio, l’intero periodo dei Giochi Olimpici. L’opera fa parte della quarta esposizione Spirito Olimpico Italiano, “Icone Olimpiche”, promossa da Renata Freccero in occasione dei Giochi Olimpici di Sochi.

Università di TORINO


© Riproduzione Riservata