• Google+
  • Commenta
6 marzo 2014

Città della Scienza: Unicam ancora vicina a Città della Scienza

Università degli Studi di Camerino – Ad un anno dal terribile rogo che ha distrutto Città della Scienza a Napoli l’Università di Camerino ha voluto esprimere con una lettera la propria vicinanza ad uno dei uno dei migliori science centre del mondo che, il 4 marzo dello scorso anno, ha subito una tremenda ferita.

“Carissimi Amici di Città della Scienza siamo rammaricati di non essere fisicamente insieme a voi a ricordare e condannare quanto accadeva esattamente un anno fa – ha scritto la Prof.ssa Chiara Invernizzi, Direttore del Polo Mussale Unicam – ma anche a sottolineare ed applaudire il vostro coraggio, la  vostra dedizione, la vostra intraprendenza nel continuare il cammino interrotto così drammaticamente. Lo scorso anno abbiamo cercato di esservi vicini visitandovi in diverse circostanze: assemblee dei Soci della Fondazione IDIS, riunioni dell’ANMS in occasione della riapertura al pubblico, la “Tre giorni per la scuola” dello scorso ottobre. Rivolgendo lo sguardo al futuro – ha proseguito la Prof.ssa Invernizzi – vi rinnoviamo la nostra disponibilità a cercare sempre nuove collaborazioni o ad inventare percorsi insieme. Anche se non siamo potuti essere fisicamente con voi, potete certamente sentire la nostra presenza al vostro fianco, dal Rettore, al Direttore generale e a tutto il personale del Polo Museale e dell’intero Ateneo”.

Il Polo Museale Unicam, successivamente al disastro di Città della Scienza, ha messo in campo numerose iniziative per contribuire a tenera desta l’attenzione su Città della Scienza: i “Week end al Museo” hanno trattato il problema e contribuito a raccogliere un contributo da devolvere alla struttura.

In occasione del decennale del Museo delle Scienze dell’Università di Camerino, celebrato nel mese di giugno 2013 presso la sede espositiva del complesso San Domenico, è stato invitato Guglielmo Maglio, responsabile delle esposizioni presso il science centre di Città della Scienza, che ha offerto ai partecipanti l’opportunità di venire a conoscenza della delicata situazione della struttura.

Google+
© Riproduzione Riservata