• Google+
  • Commenta
14 aprile 2014

Rosario Priore, il giudice del caso Moro, a Unimc

Università degli Studi di Macerata – Il presidente onorario della Corte di Cassazione, grande esperto di terrorismo, svela uno scenario inedito per spiegare gli anni di piombo e la strategia della tensione. Se ne parla all’Unimc

Il giudice Rosario Priore, presidente onorario di Corte di Cassazione, giudice istruttore del caso Moro, di Ustica, del tentato omicidio di Giovanni Paolo II e di numerosi casi di eversione rossa e nera sarà domani all’Unimc su invito del prof. Angelo Ventrone per un seminario diretto non solo agli studenti dell’Unimc, ma a tutti gli interessati.

Il tema del suo intervento, che si terrà a partire dalle 11 alle 13 nell’Aula A di Scienze politiche dell’Unimc in piazza Strambi, sarà “Il giudice e la storia: il caso Moro”.

 

Priore è il magistrato che, più di altri, ha indagato sull’agguato di via Fani e sul sequestro dello statista, rivelando, nei suoi libri, l’esistenza degli interessi più disparati e di scenari internazionali dietro il delitto che ha segnato la politica italiana.

Grazie ad anni di ricerche, testimonianze, prove, carte private, incontri con ex terroristi, agenti segreti e uomini politici anche stranieri, Priore ha ricostruito uno scenario internazionale inedito per spiegare il terrorismo e la strategia della tensione in Italia, testimoniando la verità che finora nessuno ha potuto certificare attraverso le sentenze.

Google+
© Riproduzione Riservata